Motor Show Bologna 2016

Nuova Toyota Prius 2016: prezzo, scheda tecnica e consumi [FOTO]

Nuova Toyota Prius 2016: prezzo, scheda tecnica e consumi [FOTO]
da in Auto 2016, Auto Ibride, Auto nuove, Berline, Toyota, Toyota Prius
Ultimo aggiornamento: Martedì 15/11/2016 16:23

    Nuova Toyota Prius

    Erano rimasti particolarmente abbottonati, i giapponesi, sulla scheda tecnica di nuova Toyota Prius . Al Salone di Tokio hanno posto rimedio svelando tutti i particolari che caratterizzano la berlina ibrida per eccellenza, potremo dire. Si parte dalle dimensioni, cresciute, fino ad arrivare a una lunghezza di 4 metri e 54 centimetri, con 2 metri e 70 di passo e un’altezza di 147 centimetri. Aumenta anche lo spazio a disposizione per i bagagli, 26 litri in più che portano a un totale di 502 litri viaggiando in configurazione cinque posti. Questo per quanto riguarda Toyota Prius due ruote motrici, poiché la novità E-Four, che prevede un motore elettrico posteriore e l’integrazione di una trazione integrale, farà scendere la capacità del vano a 456 litri. C’è poi la versione a 7 posti, cioè la Toyota Prius+.

    Toyota Prius+

    Cominciamo da modello 2016 della Toyota Prius+, la versione a 7 posti. I prezzi restano invariati rispetto alla versione precedente; troviamo così un listino di partenza da 31.900 euro per l’allestimento Active e di 36.200 euro per il più accessoriato allestimento Style. L’aggiornamento meccanico più importante riguarda la trasmissione, dove il cambio automatico CVT è diventato più silenzioso e consente accelerazioni più morbide, senza strappi. Invariata la power unit, come si dice oggi, composta da un propulsore endotermico a benzina 1.8 a ciclo Atkinson ed un motore elettrico che insieme forniscono una potenza complessiva di 134 cavalli, sufficienti per una guida tranquilla consumando poco. I dati ufficiali parlano di 4,1 litri per 100 Km. Per quanto riguarda le dotazioni tecnologiche, la Prius+ offre il nuovo sistema multimediale Toyota Touch Plus, presentato allo scorso salone di Ginevra. Le sue caratteristiche principali sono un’interfaccia migliorata e più semplice, oltre ad aggiornamenti gratuiti delle mappe e informazioni sul traffico in tempo reale attraverso il servizio TomTom Traffic e gli avvisi sugli autovelox di Coyote. Ci sono anche servizi su parcheggi, previsioni del tempo e Twitter. Esteticamente l’unica novità è l’aggiunta del colore chiamato Dark Blue Met per la carrozzeria.

    Detto della nuova piattaforma TGNA, più rigida e leggera, c’è un gran lavoro di ottimizzazione portato avanti sia sui componenti del sistema elettrico che su quelli del motore termico. La cubatura del quattro cilindri aspirato resta di 1.8 litri ed è stato rivisto il sistema di ricircolo dei gas di scarico, con una portata ancora maggiore adesso, che contribuisce a incrementare del 40% l’efficienza termica del motore in specifici frangenti. Anche il raffreddamento ha subito interventi migliorativi, al pari della riduzione delle perdite di potenza per frizione meccanica, abbattute del 20%. Pari percentuale si rileva sul fronte elettrico, con l’elettronica di potenza più compatta. Per la prima volta dal lancio, nel 1997, nuova Toyota Prius potrà contare su una duplice offerte sul versante della batteria: tradizionale, del tipo nickel metallo idruro, oppure più leggera e prestazionale, agli ioni di litio. Entrambe sono alloggiate sotto il sedile posteriore, davanti al serbatoio, non più sotto al fondo del bagagliaio, che così è stato reso più profondo. Parlando di consumi, a seconda dei cicli di omologazione, si sono registrati valori fino a 40 km/litro da controlli interni Toyota, con una media di 33,3 km/litro nel ciclo di omologazione giapponese, a fronte di 70 grammi al km di CO2. Il tutto avendo a disposizione un motore termico da 98 cavalli e 142 Nm di coppia e quello elettrico da 53 kW e 163 Nm, quanto basta per avere un’accelerazione 0-100 km/h in 10,6 secondi ed una ripresa da 80 a 120 km/h in 8,3 secondi; mentre la velocità massima raggiungibile è di 180 chilometri orari. Quest’ibrida viene associata ad un cambio automatico a variazione continua E-CVT.

    Parlando dell’estetica della nuova Prius ci vengono subito alla mente tanti aggettivi e tante parole da dire. Questo, ovviamente, perchè è un’auto molto particolare e personale, che rispetto al modello precedente evolve ulteriormente diventando ancora più moderna ed audace nelle sue forme. Innanzitutto possiamo dire che le proporzioni non cambiano affatto e restano sempre quelle a noi ben familiari, anche perchè questo è dettato da esigenze tecniche: il Cx dev’essere il più basso possibile per ridurre al massimo i consumi e le emissioni nocive, così da massimizzare anche il risparmio per il guidatore. Si è passati dal valore di 0.25 del modello precedente a 0.24. Detto questo, però, i volumi sono vestiti da linee tese e superfici movimentate. Si prenda ad esempio il frontale, dove il paraurti ricalca un po’ quello del vecchio modello, ma il taglio dei gruppi ottici così “tormentato” quasi è davvero inconfondibile. Interessante anche la decisione di raccordare i finestrini laterali con il lunotto posteriore, creando una soluzione di continuità. E parlando sempre del lunotto, questo è sempre sdoppiato come sul vecchio modello, ma a separare i due vetri non troviamo più uno spoiler, ma un vero e proprio accenno di terzo volume. Impossibile non notare una vera rivoluzione nello stile guardandola accanto alle sue antenate, così come è inconfondibile la somiglianza con la Toyota Mirai Fuel Cell. È davvero tanto futuristica e sicuramente spezzerà il pubblico in due: ci sarà chi l’amerà molto, ma chi proprio non riuscirà a digerirla.

    E così come per l’esterno, anche salendo a bordo notiamo subito che l’impostazione resta quella classica, però vestita con forme nuove, più moderne e futuristiche. La plancia presenta una strumentazione digitale al centro, giusto sopra alla consolle centrale. Supercifi lucide si alternano a quelle opache, con tutta la modanatura centrale in piano black ed alcuni dettagli sul volante, sul tunnel centrale e sulla zona del cambio in bianco lucido. Si notano anche il grosso schermo del sistema multimediale e la levetta del selettore del cambio automatico posta direttamente sulla plancia, proprio sotto ai comandi del climatizzatore.

    La nuova generazione della Prius nasce sulla piattaforma TGNA, che garantisce una migliore dinamica grazie anche al telaio che risulta essere il 60% più rigido rispetto a quello del modello uscente. In Toyota annunciano anche un centro di gravità posizionato più in basso, risultato a cui ha contribuito il posizionamento più in basso del motore termico. Sul piano dei motori confermate sia una versione ibrida tradizionale che una ibrida plug-in, con la differenza che la prima mantiene unità al nickel mentre la seconda è dotata di batterie agli ioni di litio. Interessante novità tecnologica riguarda la ricarica wireless, che può ridonare carica al pacco batterie senza l’utilizzo di cavi e direttamente nel garage del proprietario o su postazioni riservate per strada. L’efficienza del motore termico cresce del 40% per un risparmio di carburante complessivo dell’10%. E parlando, infine, di dimensioni è 60 mm più lunga, 15 mm più larga e 20 mm più bassa.

    Toyota Prius 1.8 Hybrid 122 cavalli E-CVT Active 29.250 Euro Toyota Prius 1.8 Hybrid 122 cavalli E-CVT Style 30.950 Euro

    1323

    Motor Show Bologna 2016

    ARTICOLI CORRELATI