Nuove Bmw 2013, arrivano la Serie 4 coupé e la i8 [FOTO]

da , il

    Bmw Serie 4 coupé concept, paraurti

    Crisi, questa sconosciuta. Mentre la stragrande maggioranza dei marchi generalisti soffre perdite importanti e chiude impianti, c’è chi come Bmw segna record di vendite. Segnale che i segmenti premium tirano comunque e la clientela benestante continua a spendere. In novembre la casa tedesca ha marcato un +23% record e nel periodo gennaio-novembre 2012 ha quasi eguagliato i risultati di vendite dell’intero 2011.

    Facile prospettare un 2013 scintillante, con tante novità di prodotto, alcune vere anteprime assolute, altre dei semplici restyling.

    Senza voler scomodare le presentazioni dei Saloni internazionali che diventeranno auto di serie nel 2014 – è il caso del nuovissimo suv Bmw X4 atteso a Detroit, oppure del restyling della Bmw Serie 1 e la Bmw Serie 2 cabrio -, c’è tanta carne al fuoco per i prossimi 12 mesi. Arriverà la Bmw Serie 4 coupé, poi toccherà alla Bmw Serie 3 GT, alla Serie 5 restyling e all’attesissima Bmw i8, senza dimenticare la Bmw Serie 1 GT, nella veste definitiva e sul mercato nel 2014. Il reparto motorsport, inoltre, metterà su strada l’ultima nata, la Bmw M6 Gran Coupé.

    Bmw Serie 4 coupé

    E’ il primo modello a inaugurare la nuova numerazione Serie 4, ovvero, quella che identificherà le varianti cabrio, coupé e coupé quattro porte della Bmw Serie 3. L’anteprima mondiale sarà al Salone dell’auto di Detroit 2013, mentre il debutto su strada avverrà sul finire del 2013. Lunga 4 metri e 64 centimetri colpisce per uno stile marcatamente sportivo, a partire dal frontale, che sposa la soluzione della Serie 3, con i gruppi ottici collegati alla calandra tridimensionale.

    Non solo stile sarà la Serie 4 coupé, ma anche tanta attenzione all’aerodinamica grazie alle Air Curtain abbinate all’Air Breather: tradotto, l’aria incanalata dal frontale aggira le ruote e viene espulsa dalle branchie dietro i passaruota per migliorare l’efficienza.

    Bmw Serie 3 GT

    A leggere le due lettere GT si potrebbe cadere in errore e pensare a una variante sportiva della Serie 3. Tutt’altro. In realtà quella che verrà lanciata sul mercato il prossimo anno e presentata al Salone di Ginevra a marzo rappresenta la declinazione in scala della Serie 5 GT, modello con la coda rialzata, marcatamente rivolto a esaltare la capacità di carico della tradizionale berlina tre volumi. Le proporzioni possono piacere o meno – sulla Serie 5 GT si resta decisamente delusi sulla resa estetica -, mentre i numeri sullo spazio a bordo dovrebbero inconfutabilmente premiare la GT rispetto alla Serie 3 normale.

    Bmw Serie 5 restyling

    Tra agosto e settembre prepariamoci ad accogliere la berlina di segmento D rivista nel frontale. Tutto lascia pensare che si opterà per una soluzione dei fari e della calandra in linea con quanto visto sulla Bmw Serie 3, anche se mancano ancora elementi chiari per potersi pronunciare in tal senso. Cambieranno i paraurti anteriori e posteriori, gli specchietti retrovisori e le motorizzazioni. A scanso di equivoci, si tratterà di cubature impegnative per l’automobilista italiano, visto che si tratterà del V8 benzina già adoperato sulla Serie 5 GT (449 cavalli) in sostituzione del V8 4.3 litri e di un nuovo tre litri turbo benzina, lo stesso previsto per la Bmw Serie 4 coupé.

    Berlina, station wagon, GT e perfino la M5 verranno attualizzate nello stile. Il listino attuale parte da 43.400 euro, quelli necessari per la 520i.

    Bmw M6 Gran Coupé

    Arriverà anche lei sul mercato, anche se rispetto ai cavalli di battaglia di Monaco di Baviera avrà un’incidenza marginale in termini di vendite. Cosa cambia rispetto a una normale M6? La Bmw M6 Gran Coupé in fondo condivide lo stesso V8 biturbo 4.4 litri di cilindrata, 560 cavalli e 680 newtonmetri di coppia massima. Eppure, quello stile da super-coupé quattro porte affascina parecchio, tanto più se lo si può scegliere in abbinamento alla cavalleria pregiata del reparto Motorsport. Per toccarla con mano si dovrà attendere ancora fino al Salone di Detroit 2013, poi meglio dare uno sguardo al conto in banca e preventivare oltre 130 mila euro per metterla in garage. Viceversa, si potrà fare un viaggio a Ginevra per ammirarla: meno costoso ma infinitamente meno emozionante.

    Bmw Z4

    Cambia poco, ma sono modifiche importanti quelle della Bmw Z4 in arrivo a marzo. Un nuovo motore 2 litri da 156 cavalli dovrebbe abbassarne il prezzo d’attacco, attualmente fissato a 39.000 euro. Poi ci saranno nuovi interni, tre tinte carrozzeria in più e due per l’hard top che si apre in 19 secondi.

    Bmw i8

    D’accordo, sarà ancora una nicchia di mercato, ma quando ti chiami Bmw ed esordisci nel settore delle auto ibride meriti un paragrafo. Sul finire del 2013 toccherà alla Bmw i8 inaugurare il sub-brand “i”, quello delle vetture a basso impatto ambientale. Non impatto zero, perché la i8 avrà un motore tre cilindri turbo benzina abbinato ai due elettrici, in grado di assicurare 35 chilometri di autonomia a zero emissioni. Resta il fatto di un progetto affascinante, che vede il coinvolgimento di Toyota nello sviluppo delle batterie. La coupé anticiperà la più convenzionale Bmw i3, attesa in un secondo momento. I prezzi sono già stati annunciati: graviteranno intorno ai 40 mila euro.

    Bmw Active Tourer

    Premessa: non arriverà sulle strade il prossimo anno. Secondo punto: il nome Active Tourer cederà il posto a un più convenzionale Serie 1 GT. Tracciata la carta d’identità della prima Bmw a trazione anteriore, ci si può concentrare sullo stile affascinante del modello presentato in anteprima mondiale allo scorso Salone dell’auto di Parigi 2012. I muletti che anticipano il lancio sono attualmente impegnati nei consueti test e sul finire del prossimo anno dovremmo assistere alla presentazione della versione “pronta serie”, in ogni caso molto vicina alle forme del concept. Motore anteriore, trazione anteriore. Questa la soluzione scelta per contrastare la Mercedes Classe B, perché assicura più spazio ai passeggeri anzitutto. Lotta che si farà tutta su elementi stilistici chiave, meno sul versante del prezzo. Quando di parla di marchi premium, ci si può permettere anche questo.

    Vedi anche su Alla Guida

    Nuove auto 2013

    Nuove auto elettriche 2013

    Nuove auto a metano 2013

    Nuove auto a GPL 2013

    Nuove auto ibride 2013

    Nuove monovolume 2013

    Nuove Citycar 2013

    Nuove Berline 2013

    Nuove Cabrio e Spyder 2013

    Nuove Station Wagon 2013

    Nuove Supercar 2013

    Nuove utilitarie 2013

    Nuove Fiat 2013

    Nuove Mercedes 2013

    Nuove Alfa Romeo 2013

    Nuove BMW 2013

    Nuove Toyota 2013

    Nuove Opel 2013

    Nuove Ford 2013

    Nuove Renault 2013

    Nuove Dacia 2013

    Nuove Audi 2013

    Nuove Citroen 2013

    Nuove Skoda 2013