Nuove Coupé e Cabrio 2017: le novità auto più attese dell’anno [FOTO]

Nuove Coupé e Cabrio 2017: le novità auto più attese dell’anno [FOTO]
da in Auto 2017, Auto nuove, Auto sportive, Cabrio e spider, Coupè, Roadster
Ultimo aggiornamento:
    Nuove Coupé e Cabrio 2017: le novità auto più attese dell’anno [FOTO]

    Le vetture coupé e “scoperte” (cabrio, spider e roadster) possono sempre contare su una fascia fedele di appassionati, sebbene non sia più così diffusa come una volta. Per cui le case continuano a proporre parecchie versioni sia coupé che decappottabili di alcuni dei propri modelli. Proponiamo in questa rassegna le novità in arrivo nel 2017 di questi due segmenti di mercato, spider e roadster comprese. Le vetture sono elencate in ordine alfabetico.

    In attesa del nuovo modello, la gamma di Bmw Serie 6 si rinnova per il 2017. Il debutto ufficiale avverrà al Salone di Detroit 2017 per Coupé, Cabrio e GranTurismo con aggiornamenti stilistici minimi per l’estetica e nuovi elementi per l’equipaggiamento in termini di optional. Per determinarsi ancora più dall’animo sportivo, arriva il pacchetto M Sport con finiture concepite in carbonio, elemento che finora avevamo visto solamente per la versione sportiva Bmw M6. Non ci sono appunto novità sotto il comparto motori. Ecco quindi che rimangono in voga sotto al cofano il 3 litri benzina da 320 cavalli della versione 640i ed il 4.4 litri da 449 cavalli della 650i proposto anche nello step da 560 cavalli della versione sportiva M6. L’unico diesel in listino è un 3.0 di cilindrata con potenza complessiva di 313 cavalli. La trazione è posteriore o integrale per le xDrive e la trasmissione è affidata ad un cambio automatico sequenziale ad otto marce o ad un robotizzato a doppia frizione a sette marce in esclusiva per la M6.

    Questa spider prenderà il posto della Z4, destinata alla pensione dopo due generazioni. Si tratta di un progetto congiunto con Toyota, da cui nasce il telaio per questa sportiva scoperta. Gli altri componenti sono invece distinti per i due costruttori. La futura Bmw Z5 appare molto compatta, muso lungo e coda corta. La differenza più evidente dalla Z4, oltre che dalla collega giapponese e dalle rivali Mercedes SLC o Audi TT, è il tetto in tessuto, al posto di quello rigido. Ciò significherà per la Z5 un consistente risparmio di peso che di conseguenza può tradursi in un miglioramento delle prestazioni. Nulla si sa di preciso sui motori. Le voci parlano di un 2.0 a quattro cilindri e anche di un propulsore 3.0 a sei cilindri, tutti turbocompressi. Si parla inoltre di una versione ibrida. L’arco delle potenze andrebbe in una zona da 190 a 425 cavalli.

    Un aggiornamento alla Ferrari F12 Berlinetta? Nome interno Ferrari F12 M, dove M starebbe per Modificata. La vettura, ancora camuffata, è stata colta da una serie di foto spia, mentre potremmo vederla nella sua veste definitiva al Salone di Ginevra 2017. Con quale nome effettivo, non è per il momento dato sapere. Le ipotesi più probabili sono quelle che vedono l’adozione di alcuni degli interventi applicati alla F12 Tour de France di un anno fa. Quindi aumento di potenza, quattro ruote sterzanti, nuovo cambio doppia frizione a sette rapporti, qualche affinamento aerodinamico. Il motore attuale della Berlinetta è il V12 6.3 aspirato da 731 cavalli. Non è certo che la F12 M arrivi ai 770 cavalli della F12 TdF. Magari si sceglierà una configurazione intermedia. Non è nemmeno da escludere che in un secondo momento non si affianche anche una versione col V8 turbo della 488 GTB, sulla falsariga di quanto fatto con la GTC4Lusso.

    Tra le novità Jaguar del 2017 dobbiamo includere la versione esclusiva e corsaiola della coupé F-Type, cioè la SVR, al suo arrivo sul mercato. Una belva da 322 Km/h e 3.7 secondi nell’accelerazione 0-100, grazie al poderoso V8 5.0 da 575 cavalli, sovralimentato da un compressore volumetrico com’è normale in casa Jaguar.

    Il motto di Kia è “The power to surprise”, che tradotto in italiano significa il potere di sorprendere, e direi che con l’anticipazione di un teaser alquanto adrenalinico mai come ora sembra così appropriato.

    Il video in questione ci mostra una vettura lanciata ad alte velocità, oltre 230 km/h, in un tempo del motorismo internazionale, ovvero sia il Nurburgring, il circuito simbolo della Germania, il “verde inferno”. Quando una casa automobilistica sfrutta questo palcoscenico per lanciare un nuovo modello, fa alzare le aspettative nei suoi confronti. La vettura in questione dovrebbe essere la nuova Kia GT, che potrebbe vedere il suo esordio ufficiale al Salone di Detroit del 2017. Intanto l’impatto mediatico di questo cortometraggio è stato positivo.

    E’ l’ultima variante di carrozzeria da aggiungere alla famiglia Classe E. La coupé la vedremo al Salone di Detroit in gennaio e, da lì, inizierà il conto alla rovescia per il debutto sul mercato. Perde due porte, modifica lo stile del montante centrale verso la coda, presentandosi con la piacevole rastrematura del tetto già vista nella transizione da Classe C berlina a coupé. Le unità motrici, la tecnologia a bordo, saranno identiche alla Classe E tre volumi. Successivamente al lancio non mancherà il completamento della gamma con le versioni AMG, ad affiancare la Mercedes AMG E63 berlina, anch’essa sulla rampa di lancio e pronta per la rete di vendita.

    Tempo di edizioni speciali in casa Mercedes. Al Salone di Detroit 2017 farà il suo debutto Mercedes Classe S Coupé Night Edition, variazione sul tema della grande coupé tedesca, che insegue note più aggressive sul versante dello stile. Ordini aperti già dal 9 gennaio, data della presentazione al NAIAS, dopodiché le prime consegne sui mercati europei, a partire dal mese di aprile. Cosa introduce di originale rispetto alle Classe S Coupé che abbiamo già apprezzato? Prima di scendere nei particolari, passiamo in rassegna le tre diverse varianti nelle quali verrà proposta la Night Edition: due motori e due diversi schemi di trasmissione.

    Opel Cascada Supreme ha fatto il suo ingresso in anteprima mondiale al Salone di Parigi 2016. Si tratta di un’edizione speciale della Cabrio tedesca che aggiunge alcuni dettagli estetici per renderla diversa dal resto della serie. Verranno proposti tre colori per la carrozzeria, un rosso, un bianco e un nero. Però fa tutto un altro effetto utilizzando i nomi esotici scelti dal marketing: “Pull Me Over Red”, “Summit White” e “Black Meet Kettle”. Altri dettagli messi in evidenza sono la griglia centrale e le calotte degli specchietti verniciate in nero; sempre neri, ma in due tonalità lucide, sono i cerchi in lega della dimensione di 20 pollici. Non basta: sono nere anche le intelaiature dei fari antinebbia e la lama superiore della calandra, quella che attraversa lo stemma Opel.

    Così come è approdata ai “consumers” la nuova Toyota GT86 lo ha fatto anche la nuova Subaru BRZ, sorelle nate dallo stesso progetto ma che vivono marchiate con due loghi differenti. Per questa nuova declinazione non si sono spinti troppo oltre, per non inficiate l’ottima dinamica di guida raggiunta con la prima generazione, così l’upgrade ha visto l’aumento di potenza e coppia rispettivamente da 200 a 205 cavalli e da 205 a 211 Nm di coppia. Tutto è merito di una riduzione degli attriti e di nuove componenti per il motore, come il collettore d’aspirazione ridisegnato. Se dal punto di vista del motore non è stato fatto tantissimo, lo stesso non si può dire dell’assetto, con le sospensioni irrigidite ed una barra antirollio maggiorata al posteriore. Tra le novità c’è anche una variazione del rapporto del cambio manuale, che vede la sesta marcia accorciata, mentre resta al suo posto il differenziale Torsen così come sulla precedente generazione.

    Nonostante il modello Volkswagen CC non abbia riscosso un grande successo in passato, poichè i (seppur pochi) clienti hanno preferito la Passat, il brand tedesco ha deciso di lanciare nel corso del 2017 la Volkswagen Arteon, reinterpretazione di berlina con fattezze da coupè. Non è stata ancora ufficialmente presentata, ma ne aspettiamo il suo arrivo nel corso del 2017 ed i primi muletti sono stati fotografati durante i test su strada in Sud Africa. Le dimensioni dovrebbero collocare la Arteon in un segmento che vede competitor quali Audi A5 Sportback e BMW Serie 4 GT, ma l’estetica porterà alla ribalta un design filante ed innovativo: la calandra a sviluppo orizzontale ingloberà i proiettori, che a loro volta saranno di piccole dimensioni. La piattaforma dalla quale prenderà vita è sicuramente la MQB modulare, così come la sorella Passat (con la quale condividerà molte componenti), mentre sul piano dei motori potremmo non vedere novità di spicco: in programma, probabilmente, i TDI e TSI già adottati dalla berlina attualmente a listino.

    1579

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto 2017Auto nuoveAuto sportiveCabrio e spiderCoupèRoadster
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI