NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Onuk Sazan: supercar turca

Onuk Sazan: supercar turca

Non è che comunque la Turchia non abbia mai avuto una tradizione nell’ambito delle auto sportive, bisogna soltanto fare un salto di 40 anni per andare a reperire qualche altra creazione turca! Eppure la Onuk Sazan ha qualcosa in comune persino con le Ferrari, la genesi del modello, così come Enzo Ferrari dedicò parte dei suoi successi e delle auto al figlio Dino, scomparso prematuramente lo stesso ha fatto Onuk nei confronti del figlio a cui ha dedicato quest’auto che porta lo stesso suo nome di battesimo, Sazan

da in Anteprima auto, Auto 2009, Auto sportive
Ultimo aggiornamento:

    Onuk Sazan

    Un nome difficile pure a pronunciarsi, a causa del cognome di colui che tanto ha voluto questa stravolgente supercar, tale Dr. Onuk, con il grosso merito di aver realizzato una vettura capace di rappresentare la prima vera auto sportiva di provenienza turca; stiamo parlando di Onuk Sazan.

    Un’occhiata soltanto è più che sufficiente per immaginare che stiamo parlando di una vera supercar, resta da capire quanta “ farina del proprio sacco” ci sia da parte dei turchi nel realizzare questa particolare sportiva che oltretutto è abbastanza cara, vista che costa più di 200 mila euro.

    Non è che comunque la Turchia non abbia mai avuto una tradizione nell’ambito delle auto sportive, bisogna soltanto fare un salto di 40 anni per andare a reperire qualche altra creazione turca! Eppure la Onuk Sazan ha qualcosa in comune persino con le Ferrari, la genesi del modello, così come Enzo Ferrari dedicò parte dei suoi successi e delle auto al figlio Dino, scomparso prematuramente lo stesso ha fatto Onuk nei confronti del figlio a cui ha dedicato quest’auto che porta lo stesso suo nome di battesimo, Sazan.

    Parliamo di una supercar molto prestante, leggera perché costituita da materiale molto elastico e di basso peso, giustamente compatta e prevista con tetto modulare e due motorizzazioni a disposizione entrambi posteriori per un’auto di 900 chilogrammi di peso e con un primo propulsore a sei cilindri e 24 valvole costruito da Nissan in grado di sprigionare una potenza di 450 cavalli turbo con cambio a sei marce, ma si può anche optare anche per una versione da 500 cavalli di potenza per la versione a 8 cilindri; entrambe si dotano di un cambio a cinque marce.

    Da considerare che la vettura viene realizzata in un numero limitato e numerato di esemplari.

    339

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Anteprima autoAuto 2009Auto sportive
    PIÙ POPOLARI