Opel Adam: allestimenti Glam, Slam e Jam [FOTO e VIDEO]

Abbiamo avuto il piacere di fare un test drive della citycar trendy: l'Opel Adam, munita questa volta del motore da 70 CV

da , il

    Opel Adam: la nuova citycar chic

    Opel Adam è una citycar sfiziosa, adatta al pubblico dei giovani, anche neopatentati, con una linea tondeggiante e a tratti marcata da linee tese e filanti, per quella verve sportiva che non guasta mai. Sono tantissime le possibilità di personalizzare la propria Adam tant’è che infatti ne vedremo praticamente pochissime di uguali per strada.

    Internamente c’è da premettere che le finiture sono ben curate rispetto ad altre rivali dello stesso segmento di mercato, forse è un po’ troppo piccolo il bagagliaio e scomodo il divanetto per chi siede dietro.

    Nella fattispecie abbiamo deciso di entrare dal concessionario Opel Autosud e ci siamo fatti dare una Opel Adam anzi tre negli allestimenti Glam, Slam e Jam.

    Dimensioni e capacità di carico

    Passiamo alle misure di Opel Adam. Per una vettura di questo genere sono molto importanti le dimensioni, che siano compatte ma che allo stesso tempo offrano comodità interna e spaziosità per quattro occupanti. Esternamente sono 370 i centimetri di lunghezza, 172 quelli di larghezza per un’altezza di 148 centimetri. Piccolo il bagagliaio, come anticipavamo, che ha una minima capacità di carico pari a 170 litri ma se si abbatte il divanetto posteriore arriva a 663 litri: il minimo indispensabile che si può caricare in una citycar ci sta.

    Lo stile del design

    La linea di Adam è piacevole sotto svariati punti di vista. La si vuole guardare con animo sportivo? Beh, l’anteriore non delude certamente, grazie ad un muso imponente composto da linee tese e spigoli vivi specialmente nella calandra, ma si passa poi a linee curve e ben più “armoniose” in grado di donare quel tocco di glamour che specialmente il “gentil sesso” cerca per la propria auto. E’ un giusto mix di svariati stili, anche se per alcuni è stata “copiata” da Fiat 500. A parer nostro questo non è del tutto vero, forse tradiscono i doppi fari anteriori, forse le personalizzazioni o forse lo “scendere” del portellone posteriore, ma se ci fate caso è ad un’altra vettura che magari potremo far riferimento circa il design: Ricordate la prima generazione di Ford Ka? Non trovate che il posteriore, specialmente i gruppi ottici posteriori siano molto simili?

    Gli interni

    Salendo a bordo non siamo rimasti sicuramente delusi dal tanto comfort che Adam dà al conducente e che non toglie a chi gli siede accanto. Forse è chi siede dietro che non sta proprio al meglio e non può pensare minimamente di optare per lunghi viaggi; questi due posti infatti non sono “di fortuna” ma studiati per persone di medio-bassa statura.

    Anche dentro i vantaggi non mancano, sono tantissime infatti le personalizzazioni, addirittura è possibile fare in modo che il tetto sia composto da molteplici lucette a led e sembrerà di guardare le stelle infatti. Di design sportivo è il volante, come anche la plancia che offre una strumentazione facilmente intuitiva.

    Allestimenti

    Per la motorizzazione 70 Cv sono quattro gli allestimenti previsti in listino. Si parte col “base” per passare poi al Jam, Glam e Slam al top di gamma. Forse Adam, per quanto estremamente personalizzabile essa sia, pecca in fatto di optional e pacchetti, in quanto sono veramente tantissimi e purtroppo destinati a far salire non di poco il prezzo.

    ADAM JAM

    La dotazione di questo allestimento prevede il climatizzatore manuale, il computer di bordo, specchietti regolabili elettricamente, controllo elettronico della stabilità ESP e Hill Start Assist. Per quanto riguarda l’aspetto del design, la si può riconoscere per la presenza dei cerchi da 16 pollici, per il volante in pelle e per il tetto illuminato da 64 LED. Esternamente le maniglie sono in tinta con la carrozzeria, così come il telecomando di apertura delle porte, mentre le modanature sono di colore nero. Completa il tutto il sistema multimediale IntelliLink.

    ADAM GLAM

    L’allestimento Glam è più ricco del Jam appena citato, ma si tratta principalmente di dettagli estetici. Poche aggiunte rispetto all’allestimento più economico, certo, ma comunque bisogna considerare un sovrapprezzo relativamente contenuto. Il tetto è in cristallo, mentre le soglie d’accesso sono impreziosite da listelli in alluminio spazzolato. L’autoradio guadagna due altoparlanti in più (7 al posto dei canonici 5), mentre lo stile è impreziosito dal Chrome Pack.

    ADAM SLAM

    La Opel Adam Slam rappresenta il top di gamma, grazie ad una dotazione ancora più completa anche per quanto la motorizzazione che abbiamo provato, 1.4 100cv cambio manuale 5 rapporti. Tra gli optional possiamo trovare: specchietto interno elettrocromatico, interni in pelle, SIght & Light Pack, Multi Color Ambient Light, luci posteriori a LED e volante bicolore. Esteticamente troviamo gli scenografici cerchi in lega da 18 pollici, ma anche i vetro posteriori oscurati e l’assetto ribassato. Ad aumentare il comfort c’è anche il climatizzatore a controllo automatico mentre sono disponibili numerose possibilità di personalizzazione, sia interna che esterna, già incluse nel prezzo di listino. La pedaliera, infine, è in alluminio.

    Listino prezzi dei diversi allestimenti

    Il listino prezzi dei modelli provati con gli allestimenti e accessori sopra descritti è il seguente:

    Opel Adam JAM: € 14.930

    Opel Adam GLAM: € 15.300

    Opel Adam SLAM: € 17.675

    Rigraziamo per la disponibilità della prova concessionario Opel Autosud

    Segmento di mercato e rivali

    Trovare rivali di Opel Adam non è un’operazione poi così difficile. Questo è infatti un segmento di mercato dove quasi ogni Casa ha il proprio modello in listino, ma è pur vero che sono pochissimi quelli che veramente possono competere con un’auto così innovativa, “giovane”, dalla linea “simpatica” e che strizza l’occhio alla sportività senza far mancare l’eleganza.

    Vediamole tutte ora indistintamente le rivali di Adam: Chevrolet Spark, Citroen C1 con le “sorelle” Peugeot 107 e Toyota Aygo, Fiat Panda e 500, Ford Ka, Hyundai i10, Kia Picanto, la stessa Opel Agila se proprio vogliamo “giocare in casa”, Renault Twingo, Seat Mii con le “sorelle” Skoda Citigo e Volkswagen Up! e Suzuki Alto e Splash.