Opel Antara e Chevrolet Captiva: cos’hanno in comune?

Opel Antara e Chevrolet Captiva: cos'hanno in comune?

da , il

    Opel Antara

    Ci sono auto che nascono con molti ?geni ? in comune, come se a crearle fosse la stessa madre e, dunque, si sviluppano come avverrebbe a due gemelli, questo è ciò che è capitato alla Chevrolet Captiva e alla Opel Antara, ma fino a che punto questi due importanti Suv sono uguali l?uno con l?altro?

    Diciamo subito che uguale per le due vetture è il gruppo di appartenenza, General Motors in questo caso che ?imparenta ? al meglio le due auto ma c?è dell?altro, nel caso della tedesca-americana e dell?americana pura, entrambe vengono costruite ed assemblate in Corea, tutt?altro che infrequente di questi tempi vista la propensione di tanti produttori di aprire stabilimenti in Asia.

    E così, se è innegabile ravvedere somiglianze fra le due vetture, ognuna di essa sviluppa parimenti una propria personalità spiccata e ciò lo si evince dai tanti elementi della carrozzeria, gruppi ottici, paraurti e linee spioventi del cofano, continuando all?interno dell?abitacolo dove ognuna si presenta con il proprio stile , così come, altro elemento che non viene condiviso, è il numero di posti, 5 per la tedesca, sette per l?americana.

    Se poi parliamo di rifiniture, meglio potrebbe cavarsela in questo caso l?Antara, così come certi spunti estetici, compresi alcuni elementi funzionali dell?auto, sono più della Captiva ma, esaminando più approfonditamente le vetture scorgiamo che riappaiono i tanti elementi in comune che sono ricondotti, ad esempio, in ordine alla meccanica, pensiamo alle sospensioni che sono uguali per entrambe, così come accade per l?intima struttura dove ad imperare è l?acciaio ed in ambito alle motorizzazioni, rammentiamo che entrambi i Suv montano un propulsore di 2,4 litri di cilindrata da 140 cavalli di potenza e la Captiva ne ha 4 in meno, dunque, quasi sovrapponibili, cui si aggiunge un identico 2,0 litri turbodiesel da 150 cavalli di potenza, con la differenza che la tedesca può essere scelta anche con un 3,2 litri a 6 cilindri in grado di erogare 227 cavalli di potenza.

    E se torniamo agli interni pur se pervase dalla propria spiccata personalità intrinseca, le due vetture conservano elementi molto in comune e non solo in uno stile di massima della plancia e della strumentazione, anche i sistemi di sicurezza sono condivisi, si pensi alle tre coppie di airbag, all?ESP, per entrambe di serie, al sistema antiribailtamento, al controllo di velocità e alla regolazione delle sospensioni in funzione del carico trasportato.

    Ma se torniamo alle differenze fra le due vetture, rileviamo, tuttavia, che la Antara si può sceglierla più rifinita e, volendo, anche a scelta con un motore più potente e, dulcis in fundo, differenza c?è anche nei prezzi, tant?è che la Chevrolet Captiva costa circa 26.000 euro, mentre l?Antara ha prezzi che partono da 27.500 euro fino a 37.000 euro per la versione più potente. Tutti elementi da valutare in sede di acquisto con un elemento indiscutibile, delle due, chi ha bisogno di una sette posti dovrà optare per forza sull?americana.