NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Peugeot 208 GTi, prova su strada: una storia lunga 30 anni [FOTO e VIDEO]

Peugeot 208 GTi, prova su strada: una storia lunga 30 anni [FOTO e VIDEO]

Peugeot dopo 30 anni ci riprova e lancia la 208 GTi

da in Auto nuove, Auto sportive, Peugeot, Peugeot 208, Prove auto su strada, Utilitarie, Video Auto
Ultimo aggiornamento:
    Peugeot 208 GTi compie 30 anni

    La prova su strada della Peugeot 208 GTi ci ha consentito di fare un po’ di amarcord, ripercorrendo da nostalgici la storia lunga 30 anni della sigla più sportiva nella gamma del Leone. Il tempo trascorso si sente tutto (per fortuna) e le operazioni revival sono di solito buone per ripescare nella memoria di chi nel 1984 – e fino ai primi anni Novanta – si mise al volante di una 205 GTi. Tutto il resto vede ovviamente uscire sconfitta la piccola utilitaria sportiva che battagliava nei rally e tra le Gruppo B.
    I punti in comune? Quelle tre lettere. Stop. La Peugeot 208 GTi del nostro test drive sfoggia il meglio della tecnica motoristica moderna, lontana anni luce dagli anni Ottanta.

    Stile e design

    Resta l’imprinting di vettura pepata, destinata a un pubblico giovane che vuole assaporare i primi cavalli importanti, giunti a quota 200 sulla 208 GTi. Lo stile è quello aggressivo per far colpo, decisamente più attraente di quanto non fosse la precedente incarnazione del verbo GTi, la controversa 207.
    Linguaggio tutto nuovo, fatto di tratti ben definiti, un frontale dominato dalla calandra trapezoidale e i gruppi ottici cattivi, dalla forma quasi a boomerang.

    Tre porte sono più che sufficienti, così la fiancata sfoggia un profilo dinamico e racing, grazie ai vetri posteriori bruniti e le minigonne profilate tra i due cerchi in lega da 17 pollici, che calzano gomme 205/45 R17. La coda ha le proporzioni raccolte che mancavano sulla 207, oltre a sfoggiare gruppi ottici di piccole dimensioni e lo spoiler sul tetto.

    Il design non può che uscirne promosso senza troppe riserve, fatta eccezione la scelta del colore: il bianco attenua notevolmente le peculiarità della GTi, a partire dalla calandra cromata e le maglie 3D, al pari dell’inserto alla base dei finestrini.

    Dimensioni

    Peugeot 208 Gti, dimensioni

    Per quanto riguarda la Peugeot 208 GTi e le dimensioni si è rimpicciolita rispetto alla precedente 207 e la GTi non fa eccezione. Lunghezza complessiva ferma sotto i 4 metri, 3 metri e 96 per esser precisi, mentre la larghezza è fissata in 1 metro e 74 centimetri. Generosa l’altezza, per essere una berlinetta sportiva te l’aspetteresti più bassa del metro e 46 dichiarato da Peugeot. Il passo, invece, è di 2 metri e 53 centimetri.
    Non solo è più piccola la 208 GTi, ma anche decisamente più leggera, potendo sfoggiare sulla bilancia un peso di 1160 kg.

    Motorizzazioni

    motorizzazioni peugeot 208 gti

    Cercate economia d’esercizio? Ecco le motorizzazioni della Peugeot 208 GTi. Bene, potete sfogliare il listino della 208 alla ricerca di altro che non sia la GTi. Il motore turbo benzina 1.6 litri assicura 200 cavalli e prestazioni importanti, che mal si conciliano con chi vuole percorrenze record. Il leoncino francese mette subito le carte in tavola, per presentarsi degnamente, senza generare fraintendimenti. Velocità massima di 230 km/h, accelerazione da zero a cento in 6.8 secondi, sono numeri da prima della classe nel suo segmento e come tali hanno un costo. In città vengono dichiarati consumi da 8.2 litri/100 km e considerando le stime decisamente ottimistiche dei costruttori, le aspettative reali sono inferiori a quei 12 e rotti km al litro.

    Nel misto vengono dichiarati consumi per 6 litri ogni 100 chilometri.

    Ripaga pienamente con la coppia erogata il quattro in linea turbo, ben 275 Nm già pronti a 1.700 giri/min, da gestire attraverso un cambio manuale 6 marce. Il matrimonio perfetto l’avremmo voluto con un robotizzato, per esaltare ancor di più le doti della 208 GTi.

    Bagagliaio

    Peugeot 208 Gti, bagagliaio

    Il vano ha la capacità che ti aspetteresti di trovare su un’utilitaria di segmento B: non straordinario, ma i 285 litri del bagagliaio di Peugeot 208 GTi sono pur sempre sufficienti per qualche trolley. Semmai è l’accesso al vano a esser stato sacrificato sull’altare dello stile. Le forme arrotondate non regalano una soglia d’ingresso regolare e ampia.

    Prova su Strada

    Peugeot 208 gti prova su strada

    Non è passato molto tempo dalla prova su strada della mitica Peugeot 205 GTi che fare la prova su strada di Peugeot 208 GTi poteva rivelarsi un’arma a doppio taglio, sopratutto se la prova un quarant’enne come il sottoscritto.
    Presentare un’auto a fianco di una delle migliori automobili a trazione anteriore mai apparse sulla faccia della terra (ancora oggi ammirata ed apprezzata da tanti appassionati) è sempre un rischio.
    Fortunatamente si e’ solo cercato di evocare un confronto tra le sue sportive per creare una certa aspettativa per la nuova nata cercando di riportare quello spirito sportivo che ha attraversato generazioni e generazioni per decenni addietro.

    Motore_208_gti

    Salendo a bordo e premendo a dovere il pedale dell’acceleratore la 208 GTi è veloce, il “millesei” turbo da 200 cavalli nato dalla passata cooperazione con BMW muove senza esitazioni i 1235 chili (90 in meno rispetto alla 207 GTi), riprende da 0 a 100 chilometri orari in 6,8 secondi, arrivando ad una punta massima di 230 orari.
    Mi e’ piaciuta la corposità della coppia già ai bassissimi regimi (la coppia massima di 275 Newtonmetri viene già erogata a 1’700 giri/min.), e invece un pò meno la mancanza di grinta nell’arrivare alla zona rossa del contachilometri.

    Cambio_meccanico

    Il cambio meccanico a sei marce è molto buono nelle precisione e velocità. Guidandola nelle strade tra le Alpi marittime francesi tra il Col de Vence e la Route Napoleon mi sono reso conto come la piccola Francese GTi non perda mai la compagnia della trazione e anche con gli aiuti elettronici disattivati la 208 GTi mantiene sempre una certa stabilità e compostezza, anche guidando in modo sportivo schiacciando l’acceleratore a tavoletta: ho paura che questa grande stabilità e compostezza la renda un po’ troppo neutra se si pensa alla marcata identità che aveva la sua antenata.
    Sulla Peugeot 208 GTi la parola sovrasterzo non esiste.

    Interni_208_gti

    Per quanto riguarda gli interni di 208 GTi salendo a bordo troviamo un abitacolo ampiamente dotato e ben rifinito, con diverse personalizzazioni in chiave sportiva come gli inserti di rosso nel cambio, nei loghi GTi sul volante e sui sedili, sui contorni dell’apparato multimediale, nelle cuciture e particolari dei sedili anteriori e posteriori; molte sfumature al rosso come dicono in Peugeot.
    Il posto di guida e’ comodo e contiene bene le eventuali sterzate sportive e anche dietro si sta comodi.

    sportivita_208GTI

    Naturalmente non bisogna paragonare la sportività della 208 GTi aiutata esternamente dalla carrozzeria a tre porte e dalle appendici aerodinamiche ma con un corpo vettura con bella presenza scenica e una fisionomia un po’ troppo chic e femminile intrinseca della 208, con la durezza e la sportività emozionale della 205 GTi. I tempi sono cambiati, gli utenti altrettanto e i puristi sono molto meno. Puegeot mette le cose in chiaro. “La nostra 205 GTi era un’auto per puristi, mentre la nuova 208 GTi si indirizza ad un altro pubblico. Vuole sempre essere sportiva, certo, ma anche ben rifinita, sicura ed efficiente“.
    Un prodotto diverso pubblicizzato per ovvi motivi d’immagine al pari dell’antica gloria per risvegliare qualche emozione.

    Anna Costamagna Design Manager presso Peugeot ci conferma questo: “GTi è l’altra personalità di una clientela premium sportiva… esigente che però è nostalgica della 205, o una nuova clientela che vuole sottolineare questo lato sportivo e grintoso… per’ in una maniera discreta ed elegante… siamo lontani da soluzioni radicali come DS3 racing… sportività elegante e discreta senza segni troppo visibili… è un piacere personale” Una volta si ostentava la sportività e la”tamarragine”, ora la sportività deve essere piu’ discreta e personale.

    “le performance non rinunciano a nulla… macchina polivalente che può essere portata agli estremi con estrema facilità… può andare bene anche per una clientela non prettamente tamarra”

    Tra 20 anni ci saranno persone che si fermeranno per ammirare la 208 GTi come adesso fanno ancora per la 205 GTi? “Il contesto è cambiato e i clienti sono meno orientati all’auto come eravamo noi… tra 20 anni solo la storia ci darà una risposta… comunque 208 si nota nel traffico e per strada… ha un supplemento d’anima”

    Peugeot 208 GTI

    Abbiamo avuto il piacere di poter provare la Peugeot 208 GTi in un tratto di strada chiuso al traffico con alla guida Gilles Panizzi, ormai ex-pilota ma attualmente ancora considerato uno dei più veloci rallysti sull’asfalto, dove a bordo della Peugeot 306 Maxi prima e in seguito con la Peugeot 206 WRC vinse i rally di San Remo, Catalunya e Tour de Corse.
    Il suo commento sulla macchina dopo la prova in un Inglese misto Francese e’ stato: Very nice car… safety car… rapid, safety and precise car in poche parole un giocattolino da 200 cv semplice, preciso nel mantenere le traiettorie (lo confermiamo dopo averla provata con lui) e sicura e se lo dice lui ci crediamo naturalmente… ecco come si guida una 208 GTi in una speciale sopra i 1000m con neve ai bordi della strada:

    Ecco la Peugeot 208 GTi direttamente dalla parole di Fabrizio Piotti Responsabile Comunicazione Stampa Settore:

    Pro e Contro

    Pro: Cambio, Guidabilità, Precisa nelle traiettorie, Interni

    Contro: Poca grinta sopra la coppia, auto per tutti e non per pochi come era la 205 GTi

    Luca Zucconi

    Listino prezzi

    Peugeot 208 Gti, prezzi

    La Peugeot 208 GTi si posiziona poco sopra ai 20 mila euro, con un prezzo di listino fissato a 21.950 euro. Tra le dotazioni di serie ci sono l’Esp completamente disinseribile, il climatizzatore bi-zona, il cruise control, i sensori di parcheggio posteriori, gli interni in misto pelle Nappa/tessuto, le luci a led diurne, l’indicatore di cambiata e il sistema di infotainment con schermo da 7 pollici touch, che racchiude la radio, oltre a proporre gli ingressi aux in, usb e il collegamento Bluetooth radio: i comandi al volante e sei altoparlanti completano la dotazione multimediale di base.

    In optional vengono offerti diversi disegni per i cerchi in lega (+105 euro), i fendinebbia con funzione cornering (+100 euro), gli adesivi a scacchiera per la carrozzeria (+200 euro), il lettore cd con navigatore (+565 euro) e il pacchetto hi-fi con 8 altoparlanti extra e 1 subwoofer.

    2051

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto nuoveAuto sportivePeugeotPeugeot 208Prove auto su stradaUtilitarieVideo Auto
    PIÙ POPOLARI