Peugeot 208: la nostra prova su strada [FOTO]

Peugeot 208: la nostra prova su strada [FOTO]
da in Auto 2012, Auto nuove, Peugeot, Peugeot 208, Prove auto su strada
Ultimo aggiornamento:
    Peugeot 208: l'utilitaria "fortunata"

    Con l’arrivo della nuova Peugeot 208 in casa Psa sono pronti a tornare ad ottenere i grandi risultati nel segmento B come ai tempi della fortunata 206. Noi di AllaGuida abbiamo avuto la possibilità di provare una delle motorizzazioni che andranno per la maggiore, il 1.4 e-Hdi Fap da 68 CV nell’ allestimento Active dotato di Stop & Start con cambio robotizzato, il quale si presenta già con una ricca dotazione.
    Si ringrazia la concessionaria Peugeot Cossetta Automobili di Casale Monferrato per averci concesso l’auto per la prova su strada.

    PEUGEOT 208: DIMENSIONI, DESIGN ED ESTERNI

    E’ subito evidente il cambiamento stilistico nel design dell’ultima nata rispetto alla antecedente 207. Le linee sono più morbide e meno tese, nelle forme del posteriore si nota il ricordo alla 206 in particolar modo nel disegno dei gruppi ottici come il retronebbia integrato nel paraurti.
    Le frecce laterali sono integrate negli specchi retrovisori, la fiancata è caratterizzata da una scalfatura che dona dinamicità al corpo vettura. Nella parte frontale si nota la grande calandra segno distintivo del family feeling della casa francese, bordata da una modanatura cromata come anche i fendinebbia alloggiati nel paraurti.
    Per quanto riguarda le dimensioni, la Peugeot 208 perde sette centimetri in lunghezza rispetto alla 207 scendendo così sotto i quattro metri ma guadagnandone cinque di abitabilità interna a tutto vantaggio degli occupanti.
    Così facendo la Peugeot ha creato una vettura con un grande equilibrio di forme risultando sportiva ma con un tocco d’eleganza la quale non può altro che essere un valore aggiunto.

    peugeot_208_8

    PEUGEOT 208: INTERNI

    Accomodandosi al posto di guida la prima cosa che balza all’occhio è il volante di dimensioni ridotte ma dall’impugnatura comoda. Totalmente diversa rispetto ad ogni modello presente nel listino Peugeot è la collocazione del quadro strumenti rialzato che permette una chiara visione di tachimetro e contagiri e di tutte le altre informazioni fornite dal computer di bordo. Questo dovuto al fatto che il quadro strumenti non lo si legge tra la corona e il piantone dello sterzo come di consueto ma al di sopra della corona stessa.
    L’ergonomia generale degli interni fa si che il guidatore sia a proprio agio sentendosi avvolto dall’abitacolo avendo sempre la sensazione di avere tutto sotto controllo.
    Una volta dentro alla vettura non si può non notare la qualità dei materiali grazie all’uso di plastica morbida e alla precisione degli accoppiamenti delle plastiche. L’unica nota negativa è la plastica dura utilizzata nella parte superiore del cruscotto che risulta poco piacevole al tatto e alla vista.
    Intuitivo e facile nell’utilizzo è lo schermo touchscreen da 7 pollici da cui si controllano radio e navigazione satellitare (optional), oltre ad altre informazioni riguardanti la vettura.
    Molto comodi risultano essere i sedili sia nella seduta che nella zona lombare, con un profilo contenitivo molto apprezzabile quando si approccia una guida più allegra o quando si percorre un tratto di strada tortuoso, riuscendo a restare sempre nella corretta posizione di guida, questo grazie anche alle diverse regolazioni del sedile.
    Azzeccata la soluzione adottata per i paddle del cambio robotizzato, che sono solidali con il piantone dello sterzo.
    Grazie al tetto panoramico l’abitacolo gode di una notevole luminosità che può comunque essere attenuata dalla tendina scorrevole che lo va a coprire totalmente. Aprendo il portellone posteriore ci troviamo di fronte ad un buon bagagliaio, che, secondo le stime della casa, può contenere ad un massimo di 311 litri.

    peugeot_208_10

    PEUGEOT 208: PROVA SU STRADA

    Su strada l’ultima nata di casa Peugeot si dimostra sincera nei suoi comportamenti senza mettere mai in crisi chi siede dietro il volante. La bontà del telaio è messa in luce dalle ottime qualità dinamiche, coadiuvato da un sterzo servo assistito elettricamente che sa essere preciso e diretto.
    Durante il nostro test, percorrendo un tratto di strada tortuoso, abbiamo potuto apprezzare la grande precisione dell’avantreno che non entra facilmente in sottosterzo regalando precisione e riuscendo ad avere sempre una gran stabilità e reattività generale dell’autotelaio, che abbiamo potuto notare durante un tratto particolarmente sconnesso in cui la vettura ha dimostrato una compostezza da segmento superiore.
    Durante la prova il cambio robotizzato con paddle al volante si è dimostrato preciso e lineare sia nel salire come nello scendere di marcia con tempi di cambiata del tutto discreti.
    Il motore di 1400 cc con i suoi soli 68 CV si è mostrato brillante ed elastico, anche nei sorpassi si è sempre sicuri trovando la giusta potenza senza incappare in imbarazzanti vuoti del motore.
    Lo smorzamento di sconnessioni e buche da parte dell’apparato sospensivo si è dimostrato buono, questo grazie anche alla modesta gommatura 195/65 R15.
    La 208 rivela un ottimo comfort acustico grazie anche all’adozione degli pneumatici Michelin a bassa resistenza al rotolamento.
    Non meno importante la frenata più che buona con un pedale sempre ben modulabile, solo nelle frenate brusche la vettura si alleggerisce un po’marcatamente al retrotreno senza comunque mettere in crisi la stabilità generale dell’auto e il guidatore.
    Lo Stop & Start è disinseribile, ma quando è in funzione garantisce spegnimenti e accensioni del propulsore immediati senza essere di intralcio alla scorrevolezza di guida.
    Infine i consumi: la 1.4 e-HDI da noi provata consuma veramente poco anche senza prestare particolarmente attenzione al piede destro, i consumi si attestano nell’ordine dei 3,4 l/100Km nel ciclo combinato per 87 grammi di CO2.

    PEUGEOT 208: PREZZO E MOTORIZZAZIONI

    Già noto da tempo il listino prezzi per la nuova Peugeot 208. Qui il costo di tutte le motorizzazioni presenti.
    Access 1.2 12V VTi 82 CV 3 porte: 12.400 euro
    Access 1.4 8V HDi 68 CV FAP 3 porte: 13.850 euro
    Access 1.2 12V VTi 82 CV 5 porte: 13.100 euro
    Access 1.4 8V HDi 68 CV FAP 5 porte: 14.550 euro
    Active 1.2 12V VTi 82 CV 3 porte: 13.800 euro
    Active 1.4 16V VTi 95 CV 3 porte: 14.250 euro
    Active 1.4 8V HDi 68 CV FAP 3 porte: 15.250 euro
    Active 1.4 8V e-HDi 68 CV FAP Start&Stop robotizzato 3 porte: 16.450 euro
    Active 1.6 8V e-HDi 92 CV FAP Start&Stop 3 porte: 16.100 euro
    Active 1.2 12V VTi 82 CV 5 porte: 14.500 euro
    Active 1.4 16V VTi 95 CV 5 porte: 14.950 euro
    Active 1.4 8V HDi 68 CV FAP 5 porte: 15.950 euro
    Active 1.4 8V e-HDi 68 CV FAP Start&Stop robotizzato 5 porte: 17.150 euro
    Active 1.6 8V e-HDi 92 CV FAP Start&Stop 5 porte: 16.800 euro
    Business 1.4 8V HDi 68 CV FAP 5 porte: 16.350 euro
    Allure 1.2 12V VTi 82 CV 3 porte: 15.500 euro
    Allure 1.4 16V VTi 95 CV 3 porte: 15.950 euro
    Allure 1.6 16V VTi 120 CV 3 porte: 17.000 euro
    Allure 1.4 8V HDi 68 CV FAP 3 porte: 16.950 euro
    Allure 1.6 8V e-HDi 92 CV FAP Start&Stop 3 porte: 17.800 euro
    Allure 1.6 8V e-HDi 115 CV FAP Start&Stop 3 porte: 18.650 euro
    Allure 1.2 12V VTi 82 CV 5 porte: 16.000 euro
    Allure 1.4 16V VTi 95 CV 5 porte: 16.450 euro
    Allure 1.6 16V VTi 120 CV 5 porte: 17.500 euro
    Allure 1.4 8V HDi 68 CV FAP 5 porte: 17.450 euro
    Allure 1.6 8V e-HDi 92 CV FAP Start&Stop 5 porte: 18.300 euro
    Allure 1.6 8V e-HDi 115 CV FAP Start&Stop 5 porte: 19.150 euro

    peugeot_208_11

    La Peugeot 208 viene proposta nel mercato italiano inizialmente con tre motori a benzina e due diesel. Per quanto riguarda i tre propulsori a benzina ci sarà il .2 tre cilindri da 82CV, 1.4 4 cilindri da 95CV e 1.6 4 cilindri da 120CV. Per quanto riguarda gli alimentati a gasolio avremo il 1,4 litri diesel da 68 cavalli e il 1,6 litri diesel da 92 e da 114 cavalli. Tutti saranno esclusivamente a trazione anteriore, mentre per la trasmissione si potrà scegliere tra il cambio manuale a cinque marce, manuale a sei marce o robotizzata a cinque marce.

    Simone Sella

    1327

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto 2012Auto nuovePeugeotPeugeot 208Prove auto su strada
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI