Salone di Parigi 2016

Peugeot 308 GT: prova su strada, prezzi, scheda tecnica [FOTO E VIDEO]

Peugeot 308 GT: prova su strada, prezzi, scheda tecnica [FOTO E VIDEO]
da in Auto 2015, Auto nuove, Auto sportive, Peugeot, Peugeot 308, Prove auto su strada
Ultimo aggiornamento: Martedì 30/06/2015 12:26

    Nuova prova su strada di AllaGuida.it: l’auto in test è la nuova Peugeot 308 GT. La 308 GT è la sintesi tra eleganza, comfort e prestazioni dell’intera gamma di questo modello che deve competere nell’affollato segmento C del mercato. A differenza della 308 GTI appena mostrata a Goodwood, dove le caratteristiche sportive vengono esaltate al massimo e sono l’unica cosa che conta, la 308 GT rimane un’auto da usare tutti i giorni negli spostamenti normali o nei lunghi viaggi, ma con la quale è anche possibile divertirsi ogni tanto nella guida pura. Abbiamo compiuto una breve prova della 308 GT sulla ricostruita pista di Arese/Lainate, risorta da quella che una volta fu il tracciato di collaudo dell’Alfa Romeo, che qui aveva la sua storica fabbrica. L’occasione è stata fornita dalla manifestazione Peugeot Driving Experience, approdata il 27 e 28 giugno alle porte di Milano.

    Peugeot 308 GT Driving Experience - prova su strada

    Diventata un appuntamento fisso, si tratta di un’opportunità offerta da Peugeot Italia a tutti gli automobilisti, i quali hanno la possibilità di provare gratuitamente su una pista, accanto ad un pilota professionista, gli ultimi modelli fabbricati dalla casa francese. Quest’anno l’onore è toccato, appunto, alla 308 GT. Gli appassionati non si sono certo lasciati sfuggire l’occasione e hanno riempito velocemente le registrazioni. Restano in programma due appuntamenti: il 4-5 luglio a Binetto (Bari) e l’11-12 luglio a Misano Adriatico (Rimini). Maggiori informazioni sul sito dedicato: http://www.peugeotexperience.it/.

    Peugeot 308 GT stile

    E veniamo allo stile macchina. La Peugeot 308 GT è prodotta sia in versione berlina 5 porte che station wagon. Le differenze con le altre versioni sono tutte orientate verso una maggiore cattiveria, per accentuarne le doti sportive, ma senza esagerare. Mascherine più vistose, logo GT da tutte le parti, disegno aggressivo dei cerchi, spoiler posteriore, doppio terminale di scarico dal disegno trapezoidale stretto. E assetto ribassato di 7 millimetri sull’anteriore e di 10 sul posteriore. Tocco di eleganza tecnologica è la collocazione degli indicatori di direzione in cima alle prese d’aria supplementari laterali. Il loro disegno li fa sembrare una coppia di sopracciglia. Per colpire non è indispensabile tirare pugni negli occhi. In questo alla Peugeot hanno sempre saputo dire la loro.

    Peugeot 308 GT dimensioni

    Le dimensioni della Peugeot 308 GT sono comuni a tutta la gamma. Quindi ricapitoliamole: per la berlina abbiamo 4.253 mm di lunghezza, 1.804 di larghezza, 1.461 di altezza, passo di 2.620 mm. Le misure della station wagon sono invece pari a 4.585 mm di lunghezza, 1.804 di larghezza 1.471 di altezza e passo da 2.730 mm.

    Peugeot 308 GT station wagon bagagliaio

    Il bagagliaio è decisamente grande sia per la berlina che per la station. Le misure sono al top del segmento. Abbiamo una capacità che varia da 420 a 1.300 litri (o decimetri cubici) per la berlina e da 610 a 1.660 litri per la station, a seconda che i sedili posteriori siano alzati o abbattuti.

    Peugeot 308 GT interni

    L’interno di una Peugeot è sempre accogliente. La 308 GT inoltre cerca proprio di viziare conducente e passeggeri. Ancora più per l’eleganza e la comodità dei rivestimenti in Tep e Alcantara, qui è la dotazione tecnologica ad impressionare. Non siamo troppo lontani dai livelli della 508. Le moderne tendenze generali nel design degli interni vedono privilegiare la pulizia di plancia e tunnel centrale. Le manopole vengono ridotte al minimo, approfittando dell’evoluzione informatica che consente l’integrazione di molti comandi secondari nel sistema d’infotainment, pilotato dagli schermi multitouch di dimensioni sempre più generose. E la 308 GT risponde in pieno a questa filosofia. Dal display di 9.7 pollici vengono controllate le impostazioni di climatizzazione, controlli secondari dell’auto e, ovviamente, comunicazioni e navigazione. Le regolazioni dei sedili sono tutte elettriche. Tutto ciò prende il nome di Peugeot i-Cockpit. Ci ricordiamo dell’impostazione sportiva osservando la pedaliera in alluminio e il compatto volante multifunzione. Sul tunnel centrale restano solo tre comandi: l’avviamento del motore, il freno a mano elettrico e la disattivazione del sistema Driver Sport Pack. Quest’ultimo è una serie di configurazioni che rendono l’intera esperienza di guida più sportiva: amplificazione del suono del motore; quadro strumenti in rosso, visualizzazione di potenza, coppia, accelerazione longitudinale e laterale; acceleratore e, dove previsto, cambio automatico più reattivi. Premendo la manopola “sport” sul tunnel, l’auto diventa più tranquilla. Immancabile in tutte le Peugeot dalla 2008 in poi il cruscotto rialzato rispetto al volante. Una benedizione per la visibilità.

    Peugeot 308 GT motore

    La Peugeot 308 GT prevede due propulsori a quattro cilindri sovralimentati con turbocompressore, uno a benzina e uno a gasolio. Il primo è il 1.6 THP che esordì due anni fa sulla 208 GTI, rivisto e aggiornato alle norme Euro 6. Ricordiamone le esuberanti caratteristiche: potenza massima di 205 cavalli erogata a 6.000 giri; eccellente coppia massima, per un benzina, di 285 Newton metri disponibile già a 1.750 giri, per una spinta possente che prosegue fino a 4.500 giri. Chi ha esigenze di alti chilometraggi può optare per il diesel 2.0 BlueHDi. Ha “soli” 180 cavalli di potenza massima (a 3.750 giri), ma la differenza è più compensata dalla maggiore coppia intrinseca dei motori a gasolio. In questo caso abbiamo l’eccellente valore di 400 Newton metri, disponibili da 2.000 giri. Come tutto il resto della gamma 308, anche la GT dispone di serie del sistema Stop&Start che spegne automaticamente il motore durante le brevi soste e lo riavvia rapidamente quando si preme la frizione (o si accelera, se il cambio è automatico).

    Peugeot 308 Gt, prova su strada

    Le prestazioni sono chiaramente elevate. Il 1.6 a benzina accelera da 0 a 100 Km/h in 7″9 per una velocità massima di 235 Km/h. Il 2.0 diesel raggiunge 220 Km/h e accelera da 0 a 100 in 9″1. Due parole sul cambio automatico EAT6 che equipaggia la 308 GT solo con motore turbodiesel: al di là delle suggestive e irrinunciabili levette (paddles) al volante quando lo si usa in modalità sequenziale, la finezza di questo cambio è eccellente. Quando si cerca la prestazione, la rapidità di cambiata è eccezionale; soprattutto, contrariamente a quanto avviene con certe tramissioni automatiche maniache del risparmio, non “castra” il motore intervenendo troppo presto. Questa tramissione è la compagna ideale di questa vettura. Arriviamo ai consumi. Ricordiamo prima un’ovvietà che a volte si tende a dimenticare: più si va forte, più si consuma. Detto questo, la Peugeot 308 GT non è certo una vampira, tutt’altro; per la versione da 205 cavalli la casa indica un consumo medio nel ciclo combinato di 5,6 litri di benzina per 100 Km (percorrenza di 17,8 Km/l), 7,4 nel ciclo urbano (13,5) e 4,6 nell’extraurbano (21,7). Per quanto riguarda la 2.0 turbodiesel abbiamo 4,1 litri di gasolio nel combinato (24,4 Km/l), 4,8 in città (20,8) e 3,8 sui percorsi extraurbani (26,3 Km/l).

    Peugeot 308 GT prova

    Come già accennato, in realtà si tratta di una breve prova in pista. Il test è stato condotto sulla Peugeot 308 GT 2.0 BlueHDi (carrozzeria station wagon), la cui trasmissione è esclusivamente automatica. Dicevamo: auto da tutti i giorni che permette anche di divertirsi. E’ tutto vero. Non devi fare acrobazie per entrare o uscire; non hanno tolto tutte le comodità per contenere il peso (che del resto non è esagerato: 1.275 Kg la berlina da 205 cavalli e 1.500 Kg la station diesel da 180 cavalli). Ma non pensiate neanche per un attimo che la parola GT sia soltanto uno stemma sulla carrozzeria. Questa station diesel sa il fatto suo. La pista di Arese non permette di raggiungere grandi velocità, però è in grado di evidenziare bene tenuta di strada e doti del motore a basso numero di giri. La 308 GT se la cava egregiamente. Le sospensioni sono abbastanza morbide per non compromettere il comfort di marcia, però afferrano saldamente la macchina e non la mollano più; la precisione nell’inserimento in curva è millimetrica; la frenata è potente. Il motore spinge sempre ed è assistito alla perfezione dal cambio EAT6, veramente eccellente. Anche lasciandolo in modalità automatica, “capisce” che si sta andando forte, quindi interviene al momento giusto, quando la curva di coppia sta per scendere, non un attimo prima. La coppia: tanta e buona. Niente da fare, i diesel di oggi sono sempre meno distinguibili dai motori a benzina.

    La Peugeot 308 GT è offerta in allestimento unico. Equivale all’Allure del resto della gamma, a cui si aggiungono, fra i vari equipaggiamenti: accensione senza chiave, rivestimenti interni in Tep/Alcantara con cuciture rosse, regolazione lombare sedile passeggero, cerchi in lega da 18 pollici esclusivi con disegno “diamant”, touchscreen dedicato, assetto ribassato, vetri posteriori oscurati, pedaliera in alluminio. I prezzi, chiavi in mano Iva compresa: la berlina 1.6 THP 205 costa 28.650 euro, la 2.0 BlueHDi 180 costa 31.450 euro. Per la station wagon abbiamo 29.550 euro per la THP 205 e 32.350 euro per la BlueHDi 180. I prezzi sono in linea con la concorrenza.

    1810

    Salone di Parigi 2016

    ARTICOLI CORRELATI