Peugeot iOn: protagonista della ricerca

Peugeot sigla due accordi per fornire la sua iOn e per avviare nuovi progetti di ricerca dedicati all'auto elettrica

da , il

    Peugeot iOn: protagonista della ricerca

    Peugeot è sempre più bellicoso sul fronte della mobilità sostenibile. La casa ha siglato un accordo di fornitura di veicoli elettrici con due società europeee: la Greenwheels, olandese specializzata in car sharing, e la Veolia, operativa nel settore dei trasporti turistici e non. L’auto elettrica di cui stiamo parlando è la Peugeot iOn, sorellina della Mitsubishi i-Miev, da cui deriva anche la Citroen C-Zero. La Casa ha in concomitanza avviato progetti di ricerca paralleli, per intensificare il suo impegno nella mobilità zero emissioni.

    L’accordo con Greenwheels include la partecipazione congiunta al progetto europeo Eva (Electric vehicles for advanced cities), che vede il coinvolgemento di diverse realtà impegnate nell’ambito dell’elettricità per le quattro ruote, tra cui 23 città europee, enti pubblici e aziende private. Con il secondo partner, Peugeot si focalizzerà sullo studio della ricarica delle batterie, con l’intento di accorciare i tempi e accrescere la potenza di ricarica delle auto elettriche.

    Viste le previsioni della casa del leoncino, questo impegno rinnovato appare uno step quanto meno strategico. Secondo Peugeot entro l’anno in corso la diffusione dei veicoli elettrici potrebbe raggiungere il picco massimo del 3% nell’intero mercato europeo.

    Per annunciare questo nuovo impegno, Peugeot ha scelto come teatro il Salone di Bruxelles, dove dal 14 al 24 gennaio, parallelamente al Salone di Detroit si svolge il Bruxelles Motor Show, vetrina prettamente europea delle novità 2010.

    Per quanto riguarda la Peugeot iOn, andate pure a darle un’occhiata.