Pininfarina conquista la Grande Tigre

Pininfarina conquista la Grande Tigre
da in Chery, Mondo auto, Pininfarina
Ultimo aggiornamento:

    Futuro roseo per il “nostro” designer torinese, Pininfarina e non solo entro i confini italiani, ma, soprattutto, in Cina, dove, i cinesi, furbi! Sfruttando l’esperienza del “maestro” richiedono allo stesso di dare una mano al miglioramento delle vetture prodotte in quel Paese, con un aumento, per il designer italiano, in termini di fatturato, del 30%, dopo l’accordo con la Grande Tigre. I risultati di questo lavoro saranno visibili già al prossimo Salone di Shangai, targato 2007.

    Anche se qui da noi poco si conosce di questo storico accordo, l’intesa fra Pininfarina e la cinese AviChina Auto Corporation ha ben dieci anni, le ultime vetture che hanno tratto vantaggio da questa collaborazione, sono stati 2 minivan, il Luzun e il HF10.

    Ma anche la nota Chery, con la A3 e A3 Sport, ha ricevuto la “cura” del noto carrozziere, addirittura nella realizzazione di questi modelli non ci si è limitati agli esterni, ma anche agli interni.

    Secondo Pininfarina, “Il mercato automobilistico cinese sta adottando, via via, molti tratti stilistici tipici dell’industria automobilistica mondiale, anche in vista di una penetrazione della gamma di prodotti cinesi nell’esigente mercato occidentale”. L’auto deve quindi avere proporzioni adeguate e armoniose, linee stilistiche fluenti visibili da diverse angolazioni della vettura, interni curati e materiali di buona qualità. Nonostante i loro modelli si perfezionino notevolmente con il passare del tempo, penso che ci vorranno ancora almeno 5 anni prima che i costruttori cinesi possano entrare nel nostro mercato. Prima dovranno necessariamente adeguare i loro prodotti alle severe regole qualitative e di sicurezza occidentali.

    Inoltre, come ha dimostrato il caso dei costruttori giapponesi, ci vuole tempo per costruire brand “forti” per un mercato evoluto come quello europeo”.

    Insomma, seguaci o meno della globalizzazione, il futuro è questo, che ci piaccia o no, Cina, India le prime nazioni che ci riguarderanno da vicino in questo percorso epocale della nostra Società, chi vorrà approfittarne, avrà facilità di interscambi e opportunità commerciali, gli altri, resteranno al palo.

    349

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CheryMondo autoPininfarina
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI