Pininfarina non produrrà più auto

Pininfarina ha annunciato che non produrrà più automobili, una decisione che mette fine all'attività che durava dal 1930

da , il

    pininfarina produzione auto

    Pininfarina ha comunicato che non produrrà più automobili, una decisione che mette fine a un’attività storica, che durava dal 1930, anno di fondazione della carrozzeria di Torino. Rimangono il centro stile, la galleria del vento di Grugliasco, l’ingegnerizzazione, le divisioni di ricerca e vetture speciali e le sedi in Cina, Marocco e Germania. La decisione è dovuta alla crisi che negli ultimi anni ha investito il settore dell’auto mettendo in difficoltà la stessa Pininfarina. A chiudere sarà lo stabilimento di San Giorgio Canavese, dove lavoravano 127 operai che rimarranno senza lavoro e per i quali si prospetta la mobilità.

    Rimarranno invece attivi il centro stile e le varie strutture per la progettazione dei veicoli di Grugliasco, in cui circa 300 persone lavoreranno ai progetti di collaborazione con marchi come Ferrari, oltre alle sedi in Cina, Germania e Marocco dove attualmente vengono sviluppati e assemblati i prototipi e le varie serie speciali. Non è servito a molto il tentativo di rilanciare le competenze e la tradizione Pininfarina puntando sull’auto elettrica, tanto che la domanda per la Bluecar è rimasta limitata, nonostante il recente avvio della partnership per il car sharing elettrico a Parigi del progetto Autolib.

    Gli ultimi lavori effettuati per conto di grandi costruttori rimarranno le Alfa Romeo Brera e Spider, la cui produzione è finita da un anno. Dopo Giugiaro che è stato acquistato dal Gruppo Volkswagen e Bertone che è invece finito nel Gruppo Fiat, anche Pininfarina vede ridimensionarsi le proprie mire dopo molti anni di continua produzione.