Programma Protezione Donna: così Viasat pensa alla sicurezza femminile

Programma Protezione Donna: così Viasat pensa alla sicurezza femminile

Cresce il numero di donne al volante, cresce il loro numero di soggetti esposti a vario titolo al rischio di aggressioni, al punto che, secondo l'Istat che ha condotto l'inchiesta, dopo la casa il luogo più a rischio per le donne è la strada e dunque l'auto stessa; ma adesso qualcosa si puo' fare!

da in Assicurazione auto, Consigli e Guide, Incidenti Auto, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    Viasat 2

    Se auto è femminile, nome comune di cosa genere, appunto, femminile, secondo le reminiscenze di grammatica, mai come in quest’era le quattro ruote hanno assunto un ruolo centrale nella vita delle donne.

    Auto e donne, dunque, così come si potrebbe anche dire auto è donna, almeno anche un certo tipo di auto magari riservato alle mamme, un certo tipo di servizio per il ” sesso debole” e che l’automobile abbia rivestito un elemento importante nella vita del gentil sesso lo testimonia il numero di veicoli intestati alle donne ed il numero di patenti loro riservato.

    Ma non sono tutte rose e fiori e stavolta non parliamo soltanto di sicurezza stradale, pure importantissima, ma di un altro spinoso problema che riguarda il conducente in rosa, la sicurezza in auto intesa come il rischio di essere coinvolte, da parte delle donne, in aggressioni. Un problema tutt’altro che limitato se solo si considera che per le donne, secondo l’Istat che ha condotto l’inchiesta, il luogo più a rischio, dopo la casa, è proprio la strada.

    Intanto cominciamo col dire a proposito del peso che la donna assume a proposito della sua presenza in auto, che in Italia v’è il numero più alto di auto del mondo, fatte chiaramente le dovute proporzioni, visto che per ogni abitante e mezzo quasi, c’è un’auto, le donne guidano un’auto oggi 25 volte di più di quanto lo facessero un quinquennio fa, gli uomini solo 16 volte in più e fatto cento il numero di contratti RC Auto, 33 di queste sono a nome di assicurati donne.

    A proposito di sicurezza stradale, ricordiamo che in Italia ogni giorno accadono 652 incidenti stradali, di questi il 35% coinvolgono le donne al punto da rimanere ferite e il 22% decede.

    In fatto di violenza sulle donne, ricordiamo inoltre che, sempre secondo l’Istat, ben 6 milioni di donne sono le appartenenti al gentil sesso a rimanere vittima di violenza e fra queste le più soggette a rischio sono quelle che per via di una vita attiva, lavorativamente e socialmente parlando che hanno, fra l’altro una mobilità elevata, costrette, spesso per lavoro, a star fuori in auto anche la sera.

    Con Programma Protezione Donna, Viasat ha promosso un vero programma si sicurezza a bordo dell’auto e fuori, un particolare dispositivo cui è possibile agire premendo un tasto di emergenza, infatti, la segnalazione viene immediatamente inoltrata alle Centrali VIASAT operativa su tutto il territorio nazionale, 24 ore su 24, 365 giorni l’anno che, grazie all’immediata localizzazione dell’auto e dopo essersi accertata della tipologia di richiesta, provvederà ad allertare le forze dell’ordine e/o attivare il soccorso medico/stradale.

    541

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Assicurazione autoConsigli e GuideIncidenti AutoMondo auto
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI