NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Richiami auto: Toyota adesso si scusa con la Cina

Richiami auto: Toyota adesso si scusa con la Cina

Con una platealità tutta giapponese il maggiore esponente del marchio Toyota si è quasi genuflesso al Congresso cinese e si che al di là delle sue abitudini tale azione era quanto mai opportuna, se solo si pensi che il mercato cinese rappresenta una quota del venduto per Toyota parti al 21%

da in Incidenti Auto, Mondo auto, Richiami Auto, Toyota, Toyota Rav4
Ultimo aggiornamento:

    Akio Toyoda

    Un’altra ondata di richiami auto e nello specifico da parte di Toyota? No, basta l’innumerevole numero di vetture della Casa giapponese finite per essere richiamate dalla stessa, semmai, sempre a proposito di richiami auto occorre ricordare prima l’intervento del direttore generale della Casa nipponica che circa un mese fa chiese scusa al mondo per tale probabile leggerezza nella fabbricazione dei modelli incriminati fonte anche di incidenti; ma oggi l’attenzione di Akio Toyota, ai vertici della Casa automobilistica, è orientata nei riguardi della Cina.

    Non si spiegherebbe in altro modo il volo che il massimo esponente Toyota ha compiuto dagli Stati Uniti alla Cina per tranquillizzare i clienti di una nazione che è al top nel mercato dell’auto ed in quella sede Toyoda ha stigmatizzato il fatto che richiamate nel Continente cinese sono state appena 75 mila vetture rappresentate tutte dalle Toyota RAV4, ma non importa, ancora più pregevole il suo intervento volto più a scusarsi e rendersi utile per rimediare ai guasti derivanti dai richiami, che ad altro; “Mi scuso sinceramente con il popolo cinese per aver causato preoccupazione e disagi in relazione ai richiami di vetture effettuati da Toyota nel mondo, Cina inclusa”.

    Con una platealità tutta giapponese il maggiore esponente del marchio Toyota si è quasi genuflesso al Congresso cinese e si che al di là delle sue abitudini tale azione era quanto mai opportuna, se solo si pensi che il mercato cinese rappresenta una quota del venduto per Toyota parti al 21%, una percentuale da salvaguardare soprattutto da quando le vendite della Casa sono precipitate altrove nel mondo a quota 13%, meglio le cose vanno in Giappone dove la Toyota ha confermato il trend in crescita pari al 48% in più rispetto allo scorso 2008 .

    324

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Incidenti AutoMondo autoRichiami AutoToyotaToyota Rav4
    PIÙ POPOLARI