Richiami auto: Toyota chiede scusa

Richiami auto: Toyota chiede scusa

Il Presidente di Toyota ha chiesto pubblicamente scusa per il maxi richiamo che ha coinvolto in tutto 8 milioni di vetture

da in Mondo auto, Richiami Auto, Toyota
Ultimo aggiornamento:

    Toyota richiami auto

    Davvero maxi il richiamo auto che ha coinvolto 1,8 milioni di Toyota in Europa per problemi all’acceleratore. Il contagio è partito dal Nord America, dove il costruttore ha dovuto richiamare ben 6 milioni di vetture. Il “difettuccio” ha comportato uno stop categorico a produzione e vendita di otto modelli di auto, tra i quali il più venduto è il Camry. In Europa la situazione è meno drastica ma il leader della casa giapponese si è sentito comunque in dovere di chiedere scusa pubblicamente.

    «Siamo davvero desolati di avere causato un simile fastidio ai nostri clienti» si è scusato Akio Toyoda durante un’intervista. Il problema interessa il pedale dell’acceleratore, ma come precisato dalla casa la soluzione è già stata individuata.

    Sotto inchiesta vi sono anche le auto vendute in Italia.
    Visti i trascorsi nordamericani, i modelli che dovrebbero essere richiamati sono otto: le city car Toyota Aygo e IQ, la Yaris, la Auris, la berlina Corolla, la Verso, la Avensis e il Suv Toyota Rav 4. Qual’è il problema? A quanto pare, il pedale dell’acceleratore era disturbato dal tappetino sottostante, nel quale s’incastrava accidentalmente. Un problema irrisorio, per un rischio enorme.


    Per fortuna non sarebbe coinvolto nel fattaccio il brand Toyota per le auto di lusso, Lexus. Ulteriori precisazioni saranno presto comunicate dalla casa, circa le vetture e l’entità del guasto in questione, nonchè la tempistica degli interventi per i casi intraeuropei. In tutto, tra tutti i continenti interessati, sarebbero otto milioni le vetture coinvolte nel richiamo.

    306

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mondo autoRichiami AutoToyota
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI