NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Russo Baltic, rinasce un simbolo del passato

Russo Baltic, rinasce un simbolo del passato

Il passato che ritorna

da in Auto nuove, Coupè
Ultimo aggiornamento:

    Ne abbiamo già parlato, la rivelazione della sovietica, Russo Baltique, reincarnazione della antica fabbrica siberiana, è avvenuta al Concorso d’Eleganza di Villa D’Este a Como.

    In quella splendente occasione, di fronte ai numerosissimi partecipanti, la Casa automobilistica ha lanciato Impression, lo sfavillante coupè che ha sancito il centesimo compleanno dalla nascita della Casa automobilistica.

    Infatti, la Russo Baltique è nata nel 1906 con un modello dell’epoca in grado di sviluppare 30 cavalli, seguita, appena dopo dieci anni da una vettura potente, per l’epoca, in versione sport che consentì all’azienda di vincere il Gran Premio di Montecarlo agli inizi del secolo scorso, fattp che consentì all’azienda di potersi annoverare a gran titolo di auto per lo zar.

    Dopo la rivoluzione russa, per qualche decennio si persero le traccie della famosa azienda
    Che rimase in ombra, dedicandosi alla costruzioni di aeromobili per decenni. L’attuale Impression potrebbe rappresentare una data storica per la Casa automobilistica che monta un moderno motore riturbo a 12 cavalli con cambio a 6 marce manuale. Parliamo di un coupè dalle dimensioni proporzionate, lunga 3,150m, larga 1,847 m.

    e alta 1,433m. Belli i cerchi in lega leggera da 22 pollici che conferiscono alla vettura un’aria da vera sportiva, grazie al propulsore potente di cui si parlava.

    Lentissima la produzione, limitata, per tutto il ‘2006, a soli 15 esemplari, al costo, cadauno di 50 milioni di rubli, circa.

    241

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto nuoveCoupè
    PIÙ POPOLARI