Saab 9-5 BiPower, sempre più vicina l’ auto alimentata ad etanolo

Saab 9-5 BiPower, sempre più vicina l’ auto alimentata ad etanolo
da in Auto nuove, Bifuel, Saab
Ultimo aggiornamento:

    Come dire, di necessità fa virtù e, seguendo questa linea, mai come in quest’ ultimo periodo le Case automobilistiche si sono concentrate a sperimentare soluzioni alternative nel campo delle risorse avanzate. Certo verrebbe da pensare, c’ era proprio bisogno di aspettare che il greggio toccasse i massimi storici?

    Comunque, al di là di tutto, sembrano sempre più tangibili le soluzioni energetiche in contrapposizione al petrolio e i suoi derivati, una di queste, che pare quanto mai vicina, è rappresentata dall’ adozione del sistema a idrogeno-fuel cell, senza contare il ricorso al metano e allo sviluppo, avuto in questi ultimi anni, dai bio-carburanti.

    Capo fila nell’ utilizzo di energia alternativa per la propria produzione automobilistica, la SAAB, che con la sua 9-5 BioPower sta meravigliando tutti. Quest’ auto, infatti, sfrutta l’ energia dell’ E85, che è composto per l’ 85% da etanolo e per il 15% da benzina. Il vantaggio è molteplice, quello di natura economica, considerato il prezzo degli attuali carburanti, è il più immediato, atteso che l’ E85 costa il 25% in meno rispetto alla benzina e, inoltre, così come è stato fatto sulla SAAB 9-5, questo composto garantisce un maggiore potere calorico che porta ad un incremento tale da aumentare la potenza dell’ auto che, nello specifico, passerebbe da 180 Cv. a oltre 200.

    Grande attenzione è stata data anche all’ impatto ambientale di un siffatto carburante, soprattutto quando si riuscirà a produrre un propulsore capace di alimentarsi ,del tutto o quasi, ad etanolo, fatto neanche tanto difficile se solo si pensi che nell’ America del Sud questo sistema viene utilizzato sempre più frequentemente.

    E, a questo punto, occorre concludere cercando di spiegare perché le emissioni da motori alimentati ad etanolo non produce aumento della quantità di anidride carbonica dell’ aria, con la temibile conseguenza derivante dall’ effetto serra. Il motivo è intuibile, essendo questo carburante di derivazione interamente vegetale, la percentuale di anidride carbonica riversata nell’ atmosfera è pari a quella sottratta dalle stesse piante all’ ambiente prima del procedimento di trasformazione in etanolo. Al punto che, qualora si riuscisse, finalmente, a produrre un propulsore alimentato interamente ad etanolo, la quantità di anidride carbonica dispersa nell’ ambiente si avvicinerebbe sempre di più allo zero.

    Vedremo nei prossimi anni circolare anche sulle nostre strade questo rivoluzionario modello della Saab, sopratutto quando le politiche energetiche del nostro Paese, si adegueranno a quegli standard già previsti in altri Stati dell’ Unione Europea, Svezia in testa, da questo punto di vista, molto più progrediti di noi.

    415

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto nuoveBifuelSaab
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI