Saab, concluse tutte le trattative

Saab, concluse tutte le trattative

saab trattative interrotte

Saab non è ancora stata salvata e rischia il fallimento. Questo dopo che Swedish Automobile ha annullato il protocollo d’intesa con i partner Pang Da e Youngman, che sono stati accusati entrambi di non aver rispettato gli accordi che erano stati presi in precedenza. Questo imprevisto condiziona il salvataggio del marchio Saab, subordinato alla partnership stipulata nel mese di luglio. Swedish Automobile, che è l’attuale proprietaria del costruttore automobilistico svedese, avrebbe ceduto il 53.9% della sua quota azionaria in cambio di 245 milioni di euro, che erano i fondi necessari per garantire il prosieguo delle attività.

I vertici di Swedish Automobile hanno denunciato un tentativo di scalata. Victor Muller, amministratore delegato della società svedese, ha giudicato inaccettabile l’offerta per acquistare il 100% delle azioni, in quanto avrebbe modificato la clausola di controllo che potrebbe determinare la fine di Saab. Ai due finanziatori è stato anche imputato il mancato rispetto degli accordi che erano stati stipulati lo scorso 13 ottobre, fra cui spicca la concessione di un prestito da 70 milioni di euro in cambio dei diritti per l’utilizzo del prototipo PhoeniX.

La questione relativa al fallimento di Saab dura ormai da molti mesi, ne abbiamo sentite parecchie e in questo tempo, ma questa volta, a meno che non si trovi un altro finanziatore disposto a sborsare subito i soldi, il fallimento sembra essere davvero inevitabile. Anche se la storia ci ha insegnato che nel caso di Saab, da un giorno all’altro cambia tutto e tutto è sempre ancora possibile.

297

Segui AllaGuida

Mar 25/10/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici