Saab, richiesta di fallimento ufficiale ma uno spiraglio di salvezza c’è

Saab, richiesta di fallimento ufficiale ma uno spiraglio di salvezza c’è

Richiesta di fallimento per il produttore svedese Saab, che potrebbe quindi chiudere definitivamente la sua storia

da in Saab
Ultimo aggiornamento:

    saab fallimento

    Ennesimo sviluppo nella situazione finanziaria della casa svedese, che ha presentato formalmente richiesta di fallimento. Continua la triste vicenda di Saab che, dopo aver chiuso lo stabilimento principale di Trollhattan già ad aprile 2011, continua ad avere seri problemi a pagare creditori e fornitori. Sono circa 3.400 i dipendenti che attendono ancora gli stipendi di novembre e dicembre.

    Tempo fa si era parlato dell’arrivo di fondi freschi dall’azienda cinese Zhejiang Youngman Lotus Automobile, ma la trattativa è fallita quando General Motors (ex proprietario del marchio) ha impedito ai cinesi l’accesso alle tecnologie svedesi. A questo punto occorrerà aspettare la decisione del tribunale del distretto di Vanersborg, che con ogni probabilità nominerà a breve gli amministratori fallimentari. Questo potrebbe essere l’epilogo per Saab, casa nata nel 1937 inizialmente per la produzione di aerei ma che nel 1947 lanciò anche la sua prima automobile.

    Aggiornamento
    Saab 9-4X

    Pare che per Saab non sia ancora detta l’ultima parola. Intanto anche nelle previsioni più fosche, nel fallimento verrebbe solo sacrificato il settore automobilistico dell’azienda, mantenendo attiva Saab Aviation. Poi lo stesso CEO di Saab, Victor Muller, ha affermato che potrebbero esserci alcuni investitori interessati a rilevare il marchio svedese, puntando evidentemente sul rilancio nell’arco dei prossimi anni. Dopo il fallimento delle trattative cinesi a causa del veto di GM (che detiene ancora i diritti per alcuni brevetti utilizzati), non resta che vedere se questa nuova operazione andrà in porto.

    298

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Saab
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI