Saab Spyker Automobiles: dalle ceneri di Saab

Spyker acquista finalmente Saab, ma General Motors mantiene la quota dominante di capitale

da , il

    Saab Spyker

    Abbiamo penato tanto, ma a quanto pare Saab è salva. O almeno in parte, dato che non si chiamerà neanche più Saab, ma Saab Spyker Automobiles. E’ stato Spyker a fare l’offerta decisiva, dopo mesi di trattative. General Motors faceva la difficile e nessuno sembrava soddisfare le sue richieste, tanto che avrebbe preferito liquidare il tutto senza pietà – cosa che ha iniziato a fare prima che Spyker riuscisse a spuntarla.

    Non sembra, ma parliamo di due alleati, due aziende che adesso lavoreranno spalla a spalla sul fronte comune di Saab.

    Spyker ha pagato al prezzo di 74 milioni di dollari la proprietà del marchio, pur non riuscendo a detronizzare General Motors, che mantiene una grossa quota della società del valore di 326 milioni di dollari.

    Per concludere le trattative i due hanno usufruito di un prestito erogato dalla Banca Europea degli Investimenti (BEI) e non hanno dovuto ricorrere all’aiuto patriottico del governo svedese, che si è comunque offerto di fare da garante.

    Ora, mentre tutti noi riponiamo in cantina i cartelloni “save saab”, ci si chiede che fine faranno i nuovi modelli. BAIC usufruirà delle vecchie 9-3 e 9-5, mentre le nuove proposte non sono più destinate al dimenticatoio.

    Tra le prossime vetture a uscire con il nuovo marchio c’è la nuova Saab 9-5 berlina e station wagon, che tutti avevamo dato per spacciata. Una bella notizia.