Salone di Nuova Delhi: Tata Aria

Altro MPV per il Salone di Nuova Delhi: la Tata Aria, che si troverà a competere con la Suzuki R3 nel mercato indiano

da , il

    Tata Aria Salone Nuova Delhi

    Tata ha fatto fortuna nel mercato locale. Conosce i suoi polli, come si suol dire, e con la Tata Nano ha creato il tormentone automobilistico degl’ultimi anni. Il mercato indiano ha bisogno di quattro ruote facili da acquistare, per completare la sua piccola rivoluzione dei trasporti. Una delle poche proposte locali presenti al Salone di Nuova Delhi 2010 è stata la Tata Aria, un MPV che si contende l’attenzione del pubblico con la Suzuki Maruti R3, un altro Multi Purpose Vehicle destinato all’india.

    Pian piano si disegna l’evoluzione del mercato locale: dalla Nano alla Aria, il paese delle vacche sacre chiede sempre un po’ di più al suo mezzo di trasporto. Anche la Tata Aria è comunque un’auto low cost.

    Non è una concept car, e a differenza della sua concorrente Suzuki R3 è destinata a entrare subito in commercio al prezzo indicativo di 13.500 euro. L’abbiamo già vista, sotto veste di prototipo, nel 2005 al Salone di Ginevra. All’inizio sarà venduta esclusivamente in India, in un secondo momento, non specificato dalla casa, la Tata Aria debutterà anche negli altri mercati, dove già Tata fa registrare un significativo consenso tra automobilisti più esigenti.

    L’MPV vuole meritarsi questa nomea, così promette doti fuoristradistiche, grazie anche alla trazione integrale opzionabile. Presenti nella dotazione di serie, vari dispositivi per sicurezza e comfort, come cruise control, sei airbag, ESP e GPS. La Tata Aria ha inoltre una capienza di sette posti passeggeri, con sedili a scomparsa a seconda delle esigenze di spazio.

    Sotto il cofano abbiamo un 2,2 litri a iniezione diretta common rail (DICOR), da 138 cavalli di potenza.