SCG003S, nuova hypercar che parla italiano: scheda tecnica e dettagli [FOTO]

SCG003S, nuova hypercar che parla italiano: scheda tecnica e dettagli [FOTO]
da in Anteprima auto, Anticipazioni Auto, Auto 2015, Auto nuove, Supercar
Ultimo aggiornamento: Venerdì 27/03/2015 12:49

    Svelata al salone di Ginevra 2015 la SCG003S, vettura esagerata dal prezzo di 2.3 milioni di dollari. E’ la quasi gemella stradale di una vettura da competizione che parteciperà alla 24 ore del Nürburgring 2015. La sigla significa Scuderia Cameron-Glickenhaus. 003 è il numero del modello. S sta per Stradale. L’esemplare da corsa si chiamerà SCG003C, dove la C sta appunto per Competizione. In questo progetto americano (proprietà, organizzazione e capitale) c’è tanta Italia (design, produzione, sviluppo, piloti) e anche un po’ di Giappone (motore). Tutto nacque nel 2005.

    SCG003S prestazioni

    Jim Glickenhaus, investitore finanziario con un passato da regista cinematografico e grande appassionato nonché collezionista di automobili sportive, chiese ad Andrea Pininfarina di costruire un esemplare unico che s’ispirasse alle grandi auto da endurance del passato, in particolare alle Ferrari “P”. L’ingegner Paolo Garella progettò quella che si sarebbe chiamata P4/5 Competizione, partendo dalle Ferrari 430 Scuderia e 430 GT2. Nel 2011 la nuova vettura partecipò alla 24 ore del Nürburgring. Pilotata da Mika Salo, Fabrizio Giovanardi, Nicola Larini e Luca Cappellari si classificò al 39° posto assoluto (su 202 partecipanti). Nel 2012, montando un V8 4.0 Ferrari ed un sistema Kers stile Formula 1 da 563 cavalli complessivi, si classificò al 12° posto.

    SCG003S posto di guida

    E ora il nuovo progetto. I maggiori sforzi sono stati concentrati verso la massima riduzione del peso. La SCG003C che parteciperà con due esemplari alla massacrante 24 ore (categoria SP-X) sulla mitica pista della Nordschleife ha un telaio monoscocca in fibra di carbonio. Le sospensioni sono di tipo push rod con barra antirollio regolabile. Qui l’obiettivo era rendere il comportamento in pista prevedibile, per evitare ai piloti distrazioni non necessarie in un circuito come quello tedesco che non perdona il minimo errore. La SCG003C pesa 1.350 Kg. Monta il motore Honda (marchiato SCG) V6 3.5 biturbo da 530 cavalli a 6.800 giri e 700 Nm di coppia massima (a 4.500 giri), messo a punto dalla cremonese Autotecnica Motori. Il cambio è sequenziale.

    Negli ultimi due mesi sono stati effettuati test a Vairano e Vallelunga. Jim Glickenhaus l’ha definita “una GT che somiglia ad una LMP e si guida anche come uno di quei prototipi“. I piloti ufficiali per il 2015 finora ingaggiati sono Nicola Larini e Manuel Lauck. La versione stradale, la SCG003S, avrà poche differenze. Una hypercar che ha nel mirino McLaren P1, Porsche 918 Spyder e laFerrari. Non sono ancora noti i dettagli tecnici della vettura omologata per uso stradale, che sarà pronta alla fine dell’anno. Il progetto SCG, dicevamo, ha molto di italiano. La 003 è stata disegnata dall’azienda torinese Granstudio; la meccanica deriva dal lavoro di Podium Engineering (Valle d’Aosta); l’aerodinamica è stata affidata alle cure di Paolo Catone (papà della Peugeot 908 che vinse nel 2009 la 24 ore di Le Mans).

    579

    ARTICOLI CORRELATI