Scion XA Speedster, sbarazzina, si, superdotata…. anche!

Scion XA Speedster, sbarazzina, si, superdotata…. anche!

L'aspetto tradisce le molteplici funzioni di quest'auto

da in Concept Car, Scion, Toyota
Ultimo aggiornamento:

    La derivazione è nota; la Scion XA per Speedster XA, ma in questa roadester, non manca soltanto il tetto, mancano tutti quei limiti per una mobilità diversa, a diretto contato con la strada, col vento, con tutto ciò, insomma, che crea quelle piacevoli ed uniche emozioni che auto tradizionali non posson dare.

    Scion XA Speedster è una concept, presentata solo qualche mese addietro, agli addetti ai lavori, ma pare detenere tutte le carte in regola per trasformarsi in vettura definitiva per chi del viaggio vuol serbare un’emozione unica, particolare, così come per quegli automobilisti per i quali l’auto deve garantire spostamenti sicuri, accompagnati da sensazioni avvertibili solo su mezzi aperti.

    Bella e grande, dunque, questa Scion, a cominciare dai cerchi in lega, per continuare sul contrasto delle forme, soprattutto laterali per quel che è rimasto della carrozzeria, si intende.

    Persino singolare la dotazione di bordo in cui è stato lasciato tanto spazio alla musica affidata ad un leader del car sound, come Pioneer che oltre ad offrire un potentissimo impianto radio/cd/Mp3, abbina il sofisticato sistema DVD per la visione di film e quant’altro utile per l’intrattenimento a bordo. Ma non finisce qui, si deve a Samsung il sofisticato impianto per videogiochi e a Casio, col modello XJ-560, la proiezione della TV satellitare in auto.

    Ancora, colori vivaci e tonalità accese conferiscono quell’aria un po’ sbarazzina e molto giovane a questa moderna concept che, però, non può essere considerata un’auto approssimativa, perché, solo considerando la ricca dotazione di bordo si caratterizza per altre qualità, sicuramente in linea con vetture sofisticate al massimo.

    Gli interni, sono moderni, senza tralasciare tuttavia un design che a volte ha espressioni meno estremizzate e più classiche, soprattutto per quanto attiene la strumentazione dove, forse, ci si aspettava il ricorso a forme tendenti ad un concetto avveniristico, per’altro intrapreso all’esterno.

    Per il resto, Nulla questio, Scion è giapponese e la sua controllante, la Toyota, sa il fatto suo in tema di auto e ha trasferito la sua lunga esperienza anche in questa concept che, laddove dovesse incontrare il favore della stampa specializzata, sarebbe già pronta al taglio del nastro, il resto…. un sicuro successo, anche stavolta!

    418

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Concept CarScionToyota
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI