Seat: segnali di ripresa

Seat: segnali di ripresa

In un piano di ristrutturazione della produzione ne consegue che se si vuole far sempre meglio bisogna ridurre i costi all’origine delle auto e non certo licenziando o pagando meno bene i dipendenti

da in Mercato Auto, Mondo auto, Seat
Ultimo aggiornamento:

    Seat a barcellona

    La convergenza di interessi fra il gruppo Volkswagen e la Seat ha scongiurato la perdita secca di non meno di 15.000 posti di lavoro in Spagna, da quando cioè la Audi Q3 si è deciso di produrla in Spagna, il pericolo è scampato; ne deriva che forte di questi accadimenti la prospettiva per l’industria automobilistica spagnola si fa più rosea e, nonostante la crisi dell’auto si torna a sperare.

    Lo si è fatto al Salone di Barcellona, appuntamento questo che ha partecipato esso stesso ad infondere sicurezza agli spagnoli ed in quella sede oltre a presentare la Seat Ibiza Bocanegra si sono tracciate le linee generali per far posto in futuro ad un’altra piccola stavolta “ targata “ Seat e derivata dal pianale della Volkswagen UP.

    Viste le dimensioni e i bassi consumi, non ci poteva essere auto che meglio si attagliasse alle esigenze dei giovani e dunque questo ed un prezzo basso di acquisto dovrebbero fare la differenza e partecipare al successo dell’utilitaria.

    In un piano di ristrutturazione della produzione ne consegue che se si vuole far sempre meglio bisogna ridurre i costi all’origine delle auto e non certo licenziando o pagando meno bene i dipendenti, quanto invece operando sulla produttività che può anche essere intesa anche come un miglioramento delle linee produttive.

    261

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mercato AutoMondo autoSeat
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI