Sicurezza Stradale: gli spot dei politici

Sicurezza Stradale: gli spot dei politici
da in Auto Neopatentati, Codice della strada, Mondo auto, Sicurezza Stradale
Ultimo aggiornamento:

    Anche il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, fra i testimonial per la Sicurezza Stradale

    Servirà a migliorare la Sicurezza Stradale sentire, in radio, la voce dei politici che ci invitano alla prudenza o sarà un pretesto per fare di testa propria proprio per una sorta di ribellione contro le Istituzioni?

    Speriamo che questo non avvenga, perché la sicurezza in strada, non ha alcun “colore” politico e, almeno in questo, la proposta per una guida sicura è quanto mai bipartisan. Così il fatto che il Ministero dei Trasporti abbia lanciato una Campagna per la sicurezza Stradale con testimonial rappresentati dai politici su radio locali e sedi radio televisive della RAI, potrebbe anche essere un’utile trovata, comunque volta ad un obiettivo di pubblica utilità.

    Le voci che potremo ascoltare saranno quelli del nostro Presidente della Repubblica, Umberto Napolitano, del Presidente del Consiglio, Romano Prodi e di altri ministri e leader politici, tutti concentrati nel convincere la gente a mettere la sicurezza stradale fra le priorità di chi viaggia.

    Così il ministro Bersani accenna alle sue liberalizzazioni: “Liberalizzazione non vuol dire che ognuno può fare come gli pare”. Il ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro evoca sanzioni più severe: “Se ti comporti così , te lo meriti di andare in galera”. L’ex ministro dell’Economia Giulio Tremonti parla di tasse: “Le morti sulle strade sono un pedaggio da abolire subito”. Il ministro per l’Università e la Ricerca cita nel suo spot Milan Kundera. Ampia la lista dei protagonisti degli spot radiofonici: il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il presidente della Camera Fausto Bertinotti, il presidente del Consiglio dei Ministri Romano Prodi, nonché numerosi ministri tra i quali, oltre al ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi, Pierluigi Bersani, Rosy Bindi, Emma Bonino, Massimo D’Alema, Antonio Di Pietro, Giuseppe Fioroni, Clemente Mastella, Giovanna Melandri, Fabio Mussi, Tommaso Padoa-Schioppa, Alfonso Pecoraro Scanio, e leader politici come Gianfranco Fini, Giulio Tremonti, Walter Veltroni.

    E, sempre sul tema della Sicurezza delle Strade, interviene anche il ministro Bianchi che in una nota precisa che: “Dopo aver affrontato il problema degli incidenti stradali sul piano normativo abbiamo deciso di ricorrere anche alla comunicazione per testimoniare un impegno corale del governo contro questa piaga, impegno al quale vogliamo chiamare tutti i cittadini italiani – ha spiegato il ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi – In questi giorni milioni di auto si preparano a invadere le strade del Paese per le vacanze.

    Vogliamo che siano per tutti vacanze felici. Basta un poco di impegno in più da parte di tutti e potremo raggiungere risultati eccezionali. Dobbiamo assolutamente riuscire almeno a dimezzare il numero degli incidenti sulle strade”.

    460

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto NeopatentatiCodice della stradaMondo autoSicurezza Stradale
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI