Sicurezza stradale: il nuovo Codice per diminuire il numero delle morti

Sicurezza stradale: il nuovo Codice per diminuire il numero delle morti
da in Associazioni Consumatori, Codice della strada, Mondo auto, Sicurezza Stradale
Ultimo aggiornamento:
    Sicurezza stradale: il nuovo Codice per diminuire il numero delle morti

    Esiste un modo per limitare il numero immane di vittime della strada rappresentato da 5.000 morti e ben 300 mila feriti all’anno nella sola Italia, considerato anche che parliamo di numeri in difetto, visto che un certo numero di vittime decede oltre le 24 ore successive al ricovero e dunque sfuggono alla conta delle vittime? Si, c’è, si tratterebbe di dare applicazione al nuovo Codice della Strada, già approvato all’unanimità dalla IX commissione della Camera dei deputati, ove si è posto l’obiettivo di dimezzare questa strage.

    Ma, ad oggi, il nuovo codice è ancora fermo in Commissione Lavori pubblici al Senato. Affinché si dia applicazione al nuovo Codice della Strada, Adiconsum aveva già chiesto al Senato di intervenire immediatamente, evitando il passaggio in aula.

    Quest’istanza però – denuncia Adiconsum Lazio – è rimasta totalmente inascoltata; al contrario, si stanno accumulando una montagna di emendamenti, incomprensibili in un testo già approvato all’unanimità, che disegnano un percorso ancora lungo e tortuoso.

    “Non possiamo accettare, di più, non possiamo tollerare, che il Parlamento accetti a cuor leggero la valutazione del senatore Angelo Cicolani che prevede l’entrata in vigore del nuovo codice della strada per la fine dell’anno – ha dichiarato Fabrizio Premuti, di Adiconsum Lazio – 16 morti al giorno sono un pedaggio altissimo che questo Paese non può assolutamente continuare a tollerare.

    Il Senato approvi subito il codice così come uscito dalla Camera dei Deputati per renderlo immediatamente efficace e poi proceda ad una più tranquilla revisione. Al contrario, accetti la responsabilità morale degli 8 morti al giorno che il nuovo codice si propone di risparmiare”.

    A dare impulso a tutte quelle iniziative atte a sottrarre il più possibile un sempre maggior numero di morti e feriti è intervenuta Adiconsum Lazio e FIVEA (Federazione Italiana Veicoli ad Energie Alternative), le quali hanno promosso per il 22 aprile 2010, la “Giornata di sensibilizzazione e promozione della sicurezza stradale” per avviare corsi di Educazione Stradale, ambientale e di avviamento allo Sport, rivolti agli studenti delle scuole medie inferiori della Provincia di Roma. Presso il Centro Federale di Ariccia (RM), impianto Sportivo unico in Italia con spazi dedicati ai corsi di Educazione alla Sicurezza Stradale con percorso attrezzato, la Federazione ha destinato l’uso del circuito all’organizzazione di corsi di educazione e sicurezza stradale per i giovani, corsi di formazione per i docenti informatori di educazione stradale, avviamento alla disciplina sportiva.

    487

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Associazioni ConsumatoriCodice della stradaMondo autoSicurezza Stradale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI