Sicurezza stradale: la musica in auto distrae!

Sicurezza stradale: la musica in auto distrae!

Per non contare, sempre secondo i ricercatori, che chi non ascolta proprio la musica sarebbe più ancora al riparo da sinistri rispetto anche a coloro che ascoltano musica tranquilla

da in Incidenti Auto, Mondo auto, Sicurezza Stradale
Ultimo aggiornamento:

    autoradio

    Quando non esistevano i telefonini, come adesso si fa con questi moderni apparati nel voler trovare la motivazione di un evento contrario, si addossava larga parte della responsabilità degli incidenti stradali all’abitudine degli automobilisti di ascoltare musica in auto, distraendosi per rintracciare la stazione radio preferita o per armeggiare, allora, con le cassette audio. Adesso che il centro dell’attenzione è rappresentato dal telefonino ci si è scordati della musica in auto, che pure parrebbe avere responsabilità nei sinistri stradali.

    Ad essere di questo parere sono gli autori di uno studio condotto da ricercatori israeliani che ammettono che il connubio incidente, musica in auto sia più stretto di quanto si creda. Ma a differenza di un tempo quando il pericolo era rappresentato dalla facilità con cui si lasciava il volante per spostare tasti e bottoni vari, adesso imputato è il ritmo del sound in auto, al punto che, l’ascolto di una musica lenta sarebbe da consigliarsi piuttosto che quello dato da un sound convulso e veloce, ad esempio, un ritmo che apporta 120 battiti di percussione al minuto sarebbe responsabile di un numero maggiore di incidenti della strada.

    Per non contare, sempre secondo i ricercatori, che chi non ascolta proprio la musica sarebbe più ancora al riparo da sinistri rispetto anche a coloro che ascoltano musica tranquilla. Insomma, non c’è pace per gli automobilisti che oggi vengono monitorati, studiati, analizzati come cavie da laboratorio pur di dimostrare nessi continui fra eventi e cause scatenanti. L’ultimo esempio è quello che indica che, “gli ascoltatori registrano un aumento dei battiti cardiaci e della pressione sanguigna” ascoltando musica in auto, dice il consulente psicologo Conrad King. Non importa se si ascolta musica lirica, classica o rave. E’ la velocità dei battiti che conta.

    Insomma, su una cosa i ricercatori sono d’accordo, ascoltare musica a volume alto o troppo alto compromette la capacità di reazione dell’automobilista e stavolta a dirlo sono ricercatori canadesi. A riprova della loro tesi tali scienziati indicano che una musica “sparata” a 95 decibel indebolisce del 20% la capacità di reazione di chi guida. Ma come ogni studio che si rispetta ha il suo controaltare, stavolta rappresentato da uno studio parallelo della dottoressa Nicola Dibben, psicologa dell’Università di Sheffield, la quale sostiene che il rilassamento indotto dalla musica al volante ha effetti positivi sulla sicurezza di marcia. “Cantando mentre si guida stimola non solo la mente ma anche il corpo che, a sua volta, diventa più vigile e riduce la fatica” dice Dibben. Cantare in realtà distrae molto meno rispetto a una normale conversazione perché i conducenti ricordano molto più facilmente le parole di canzoni che già conoscono e anche perché è abbastanza facile imparare parole nuove quando vengono ripetute più volte nei ritornelli.

    Il “ frullato “ dei consigli degli esperti alla luce dei più recenti studi, può così riassumersi in una sorta di decalogo che conviene riportare per intero:

    1) Meglio ascoltare musica rilassante quando la guida nel traffico è particolarmente stressante, aiuta a mantenere la calma! Non è un caso se molti taxisti lo fanno!

    2) Scegliete, se potete, musica che evoca piacevoli ricordi per evocare una sensazione di pace e tranquillità. Probabilmente avrete le vostre canzoni preferite dell’ estate.

    3) Evitare di ascoltare canzoni con testi troppo aggressivi.

    Per molti, brani del genere sono tutt’ altro che ideali.

    4) Evitare la musica troppo complessa e difficile da ricordare (ad esempio le canzoni con poche riptezioni o insoliti remix di brani noti) in quanto possono essere altamente distraenti.

    5) Se dovete fare un lungo viaggio, scegliete musica che varia in termini di volume, ritmo e stile , per evitare di annoiarsi.

    6) Ascoltate musica ad volume ragionevole. La musica troppo forte vi può distrarre e, se veramente forte, potrebbe infastidire anche gli altri passeggeri.

    7) Non usate mai auricolari o cuffie durante la guida. Se volete ascoltare i brani del vostro lettore MP3 collegatelo, se possibile, all’impianto stereo della vostra auto.

    8) Non tentate di cambiare CD mentre si guida a velocità sostenuta. Se proprio avete bisogno di cambiare il volume o la stazione radio, non distogliete lo sguardo dalla strada.

    9) Cantate le canzoni che avete scelto solo le conoscete abbastanza bene, ma non pensate di esser ad un concerto.

    10) Resistete alla tentazione di suonare la chitarra O altri strumenti durante la guida. Agitarsi con il braccio fuori dal finestrino, non è raccomandato…

    E, dunque, il telefonino in auto l’abbiam vietato, presto vieteremo le sigarette…. a quando un bel divieto di dotare le auto di impianti radio? e se poi consideriamo che un soggetto in preda ad un raffreddore durante una crisi di starnuti sicuramente si distrae alla guida, a quando le visite mediche prima di salire in auto?

    852

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Incidenti AutoMondo autoSicurezza Stradale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI