Sicurezza Stradale: SMS più pericolosi di alcol e cannabis alla guida

da , il

    SMS

    Inutile dire che la guida sotto l?effetto di alcol e sostanze stupefacenti è pericolosissima stante l?influenza che queste esercitano sul conducente di un?auto. Ma vi sarebbe una situazione ancora più pericolosa al volante e riguarda l?azione che esercitano i telefonini sul guidatore.

    Secondo uno studio inglese, infatti, la ricezione o l?invio di SMS in auto risulta ancora più funesta delle sostanze psicotrope, riuscendo a sostenere che,in soggetti studiati di età compresa fra i 17 e i 24 anni, l?arrivo di un messaggio mentre erano alla guida aumentava i tempi di reazione del 35%, l?alcol in una certa misura, pensiamo poco sopra il limite consentito dal Codice della Strada, ha effetti sull?attenzione e relativi tempi di reazione in ragione di poco più del 10% e la cannabis sul conducente si è visto che aumenta il limite di intervento da parte dell?automobilista, per reagire alle situazioni di pericolo, in misura doppia rispetto all?alcol ma ancora al di sotto di quanto avviene con gli SMS.

    Cio? che viene meno, come si è constato durante le prove effettuate al simulatore, nel momento della ricezione di un SMS, è il controllo dello sterzo e dei freni con abbattimento drastico della distanza di sicurezza rispetto all?auto che precede, per non contare il fatto che mantenere entro la corsia una vettura da parte di un guidatore che legga o invii un SMS è praticamente impossibile.

    Paradossalmente, mentre l?ubriaco o chi è sottoposto agli effetti delle sostanze stupefacenti, se non è del tutto obnubilato da quest?ultime, si concentra cercando di mantenere la strada, quanto ci riesca poi è tutto da capire, un automobilista alle prese con un SMS, sposta tutta la propria attenzione sul cellulare e non sull?auto che conduce; certo si dirà lo fa per un brevissimo tempo, quel che basta per causare un gravissimo incidente!

    C?è anche da dire che tutti conosciamo il trattamento riservato, da parte delle Forze dell?Ordine, a chi utilizza il cellulare mentre guida, a suon di multe e sottrazioni di punti della patente, ma nel caso degli SMS il fatto diventa ancor più infido, visto che chi riceve o invia un messaggio, non avendo necessità di appoggiare il telefonino all?orecchio, sfugge al controllo da parte della Polizia Stradale e rischia di passarla liscia anche sul piano delle sanzioni cui andrebbe giustamente sottoposto.

    E, purtroppo, concludiamo, l?uso del cellulare, anche solo utilizzando le funzioni relative agli SMS, è un? epidemia sempre più diffusa fra i giovani di età compresa fra i 18 ed i 24 anni che, come ci mostra un recente sondaggio effettuato a distanza di un anno ad un altro, sarebbe aumentato in maniera vertiginosa e che ha persino radicato da parte dei giovani l?abitudine di leggere SMS mentre guidano, al punto da ritenere questo comportamento un fatto del tutto normale. Poveri noi!