Skoda Rapid Spaceback 2017: il restyling, motori, dimensioni e prezzo [FOTO]

Nel restyling della Skoda Rapid Spaceback 2017 si notano fari anteriori intelligenti, grafica e tecnologia rivista. Arriva il motore tre cilindri 1.0 turbo TSI

da , il

    Il restyling della Skoda Rapid Spaceback 2017 presenta una serie di novità prevalentemente tecnologiche. Ma gli aggiornamenti della Skoda Rapid Spaceback riguardano anche il design e gli interni. Invariate le dimensioni, siamo dinanzi a un prodotto da 4,30 metri di lunghezza, larghezza di un 1,46 m e altezza di 1,71 m. Omologazione per cinque posti. Il bagagliaio propone invece una capacità di 415 litri ed arriva a 1380 litri abbattendo il divanetto posteriore. Tanta l’abitabilità. Si conta su 980 millimetri di spazio per la testa sui sedili posteriori e 65 mm di spazio per le ginocchia. Proseguiamo con la scheda tecnica della Skoda Rapid Spaceback. Tra i motori, il turbo benzina 1.2 TSI viene rimpiazzato dal più moderno e leggero 1.0 TSI, proposto nella versione da 95 e 110 cavalli, in entrambi i casi accreditato di buone prestazioni: 11″ e 9″8 rispettivamente in accelerazione; i consumi della nuova Skoda Rapid Spaceback indicano 4,4 e 4,5 litri/100 km nel misto. L’alternativa a benzina resta l’1.4 TSI da 125 cavalli per poi passare alle motorizzazioni turbodiesel 1.4 TDI 90 cavalli e 1.6 TDI 115 cavalli. Il prezzo della Skoda Rapid Spaceback abbraccia una fascia che va da 17.680 a 20.490 euro per le motorizzazioni a benzina e da 20.350 a 23.500 euro per la Skoda Rapid Spaceback diesel.

    POCHI RITOCCHI AL DESIGN DELLA SKODA RAPID SPACEBACK 2017

    I principali interventi al design della Skoda Rapid Spaceback 2017 comprendono una fascia più ampia e squadrata, segue gli interventi apportati su Skoda Rapid Citigo restyling e derivanti dall’ultima generazione di Octavia e dal SUV Kodiaq. Fari bi-xenon con luci diurne a led. Modificata la grafica del proiettore, si incastona meglio con la calandra e migliora il look dell’anteriore. Ma a interessare sono le funzioni di automazione dei gruppi ottici. Il Light Assistant ingloba una serie di modalità d’uso che permettono di regolare automaticamente l’intensità e l’utilizzo delle luci principali, abbinandole alle luci diurne a led. Oltre all’attivazione automatica, grazie a un sensore di luminosità, troviamo l’high beam assist, ovvero, la regolazione degli abbaglianti in funzione del traffico. A velocità oltre i 60 km/h e in condizioni di scarsa luce ambientale, Skoda Rapid Spaceback restyling rileva la presenza di veicoli nei 400 metri davanti al veicolo e legge la possibilità di traffico in arrivo fino a 1.000 metri di distanza, adeguando così l’intensità dei fari per evitare di accecare gli altri guidatori, mantenendo al tempo stesso la massima potenza in condizioni di strada libera. Al posteriore, le luci a led costituiscono un optional. Restando sullo stile, la linea di cintura cambia alla base dei finestrini, con un inserto cromato, diverse proposte anche nel disegno dei cerchi in lega, tra 15 e 17 pollici di diametro, a seconda delle versioni.

    INTERNI E TECNOLOGIA, SMARTPHONE PROTAGONISTI

    Importanti novità debuttano negli interni della Skoda Rapid Spaceback 2017, soprattutto sul l’infotainment MIB di seconda generazione, che porta con sé tanta tecnologia: lo Skoda Connect – chiamata d’emergenza Care Connect e servizi live Infotainment Online -, la compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto, proseguendo con la funzione hotspot wifi a bordo. Comode le due prese USB supplementari a disposizione dei passeggeri posteriori, oltre quella anteriore. La grafica della strumentazione è stata modificata e i sistemi di assistenza alla guida sviluppati: frenata automatica d’emergenza, anticollisione multipla, assistente al livello di stanchezza del guidatore, sono tutti dispositivi presenti di serie o a richiesta su Rapid 2017. A richiesta si potranno avere i fendinebbia con funzione cornering.