Stragi del sabato sera: una “bella” bara in discoteca per ricordarle

Stragi del sabato sera: una “bella” bara in discoteca per ricordarle
da in Mondo auto, Sicurezza Stradale
Ultimo aggiornamento:

    Come in ogni cosa, quando si esagera, si esagera e, seguendo la stessa linea adottata a suo tempo dallo Stato italiano, per limitare il consumo di sigarette appiccicando ai pacchetti scritte terroristiche sulla supposta pericolosità del fumo nell’uomo, così, anche in discoteca, si tende ad esasperare il fenomeno delle stragi del sabato sera con messaggi per lo meno discutibili.

    Si è iniziato con gli Autogrill con foto choc sulle conseguenze di una guida spericolata, si è continuato con l’idea di accostare una guida in stato di ebbrezza o sotto l’azione di sostanze stupefacenti, o, più semplicemente, a causa della perdita di sonno, con la morte e si è persino giunti a posizionare una bara in una discoteca reggiana.

    Non son mancate le proteste di alcuni esponenti del sindacato delle discoteche, additando gli ideatori di questo squallido messaggio come ridicoli ed esagerati. In effetti, forse il modo di comunicare qualcosa con questa violenza d’impatto non è detto che sortisca il fine che si vuol perseguire, così come non è successo nulla con le sigarette, quando si è pensato di trasformare un pacchetto in un trattato di patologia medica. Non è con messaggi shock che la gente impara a comportarsi in auto e fuori dalle discoteche; le vie, come abbiamo più volte trattato, sono ben altre.

    Meglio l’adozione di quei messaggi che raggiungono i giovani appena usciti dalla discoteca e che ricordino loro di come sia stupido e criminale per gli altri attentare alla propria e altrui incolumità in auto con una guida inadeguata, almeno secondo alcuni esponenti della categoria, al punto che, qualunque altro messaggio dettato all’interno dei locali non raggiunge l’obiettivo, visto che, finchè i giovani sono all’interno delle discoteche pensano a divertirsi e non certo all’eventualità di poter morire per strada qualche ora dopo, se guideranno da sconsiderati.

    Una cosa però è certa, vuoi per l’enorme numero di morti del sabato sera, vuoi per il problema che questa parte della settimana ha aperto in tutta Italia, a differenza di un tempo, adesso qualcosa si fa e si dice ai giovani, la speranza è che fra il dire e il fare, non resti sempre e solo il…. Mare!

    365

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mondo autoSicurezza Stradale
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI