Suzuki Splash: la compatta col piglio occidentale, l’anno prossimo anche da noi

da , il

    Suzuki Splash: la compatta col piglio occidentale, l’anno prossimo anche da noi

    Una vettura davvero inedita, che sarà presentata al Salone Internazionale di Francoforte il prossimo mese di settembre e che non sostituisce nessun?altra auto del Gruppo Suzuki, ma che si colloca, a gran voce, nel segmento delle compatte giapponesi imprimendo, da subito, la propria presenza per via dell?alto contenuto in termini di qualità, tecnologia e design.

    Si chiama Splash e da subito da sfoggio di grande maneggevolezza e flessibilità, tutti elementi aggiuntivi volti a soddisfare le difficili istanze del mercato europeo, in cui la vettura si colloca prepotentemente con le mire espansionistiche di un?azienda che da anni ha imposto la sua presenza anche in Italia per delle indiscutibili qualità, tutte positive, in fatto di design e ottima guidabilità.

    Suzuki Splash ha infatti un design quanto mai piacevole e giovanile, come il nome che la caratterizza e si colloca nello spazio ritagliatole da Swift, a tre anni dal lancio, in mezzo a Grand Vitara e SX4, tutti modelli nuovi con un denominatore comune che li lega: lo Stile di Vita, così peculiare in Casa Suzuki che diventa proprio del cliente che sceglie un?auto del gruppo e che per il semplice fatto di aver operato questa scelta, diviene, di diritto, parte integrante di quella comune filosofia di vita.

    Ma Splash, come del resto tutte le auto più recenti Suzuki, vuol dire anche grande attenzione alla sicurezza attiva e passiva, uno sguardo attento all?auto per comprendere quanto importante sia il capitolo della sicurezza in Casa Suzuki, ritrovando in Splash 6 air-bag ed ABS con ESP per intuire che su questa vettura si fanno cose da grandi! Così come da grande è l?abitabilità della Splash in 3,7 metri di lunghezza e 1,7 di larghezza, laddove al centro dell?attenzione della Casa c?è sempre il proprio cliente e il suo benessere, soddisfatto al massimo per via del confort che una vettura come la Splash riesce quanto mai a trasmettere.

    Vedremo la compatta nipponica su strada, l?anno prossimo, intorno al mese di maggio, inizialmente con due sole motorizzazioni a benzina, la prima di 1 litro di cilindrata, 3 cilindri, 12 valvole con 65 cavalli di potenza, oppure con motore di 1.200 cc. 4 cilindri 16 valvole e potenza massima di 86 cavalli

    Caratteristica di entrambi i propulsori, i bassi consumi e le ridotte emissioni inquinanti che, in fatto di CO2, risultano inferiori a 140 gr per chilometro. Per chi preferisse una versione diesel, è disponibile anche un 1.300 commonrail 16 valvole con 75 cavalli di potenza, dotato di serie di filtro antiparticolato; per tutte le versioni, è disponibile il cambio a 5 marce manuale.

    L?obiettivo di vendita di Suzuki per questo modello è pari a 60.000 esemplari venduti all?anno, prospettiva questa destinata ad allargarsi negli anni successivi per via delle potenzialità dello stabilimento di produzione ungherese in grado di sfornare, annualmente, oltre 300.000 vetture già dal prossimo anno e, meno male, perché con Splash?. Non si sa mai!