Suzuki Swift: un’ibrida al Salone di Tokio

Il Salone di Tokio, come ben sappiamo, è al centro di una sorta di vortice che ha comportato la defezione di diversi marchi automobilistici, stante la crisi dell’auto; ciò non toglie però che, almeno le marche automobilistiche che vi parteciperanno porteranno chicche importanti

da , il

    Suzuki Swift

    Il Salone di Tokio, come ben sappiamo, è al centro di una sorta di vortice che ha comportato la defezione di diversi marchi automobilistici, stante la crisi dell?auto; ciò non toglie però che, almeno le marche automobilistiche che vi parteciperanno porteranno chicche importanti.

    L?esempio, ultimo in ordine di tempo, ce lo da Suzuki che a Tokio presenterà una vettura ibrida plug-in, della quale purtroppo non conosciamo in atto molte delle caratteristiche, a partire dalla cilindrata, tuttavia dovrebbe trattarsi di un propulsore piccolo costituito da un motore benzina accoppiato con uno elettrico ed alimentato con batteria litio-ioni.

    Il risultato è una Suzuki Swift che può essere alimentata direttamente ad una presa domestica; resta il fatto che come avviene oggi alle più moderne auto ibride, questa può marciare per alcuni chilometri e a bassa velocità in modalità solo elettrica.

    Parliamo di una Suzuki Swift ibrida ancora in fase di concept car che non dovrebbe essere tanto distante dalla vettura tradizionale, a parte i nuovi gruppi ottici anteriori, così come nuovi ci sembrano i cerchi in lega leggera di nuovo disegno e profilo, mentre all?interno, a parte qualche nuovo accorgimento, tuttoi dovrebbe restare immutato.