Suzuki X-Head, Kizashi 2, SSC e Palette: le stravaganze giapponesi a Tokio 2007

da , il

    Suzuki X-Head, Kizashi 2, SSC e Palette: le stravaganze giapponesi a Tokio 2007

    Si avvicina il prossimo Salone dell?Auto di Tokio e, per l?importante rassegna mondiale, non poteva mancare l?impegno di Suzuki che, per?altro, gioca anche in casa, con queste quattro concept car nel segmento delle ?piccole?.

    E così, la Casa nipponica, si appresta a mostrare al mondo, la X-Head, di cui si è parlato, e la Kizashi 2, proseguo della Kizashi 1, che aveva fatto la sua comparsa all?ultimo Salone di Francoforte. La seconda versione è un crossover, anche se nei tratti riprende le linee sportive di una coupè, senza sacrificare spazio all?interno, al punto da poterla, tranquillamente destinare, anche alle famiglie. Monterà, quasi certamente, nell?ipotesi di un prosieguo definitivo della produzione, un motore a 6 cilindri di 3,6 litri di cilindrata e cambio a 6 rapporti automatico.

    E, cavalcando il consenso unanime che tutti hanno nei confronti delle automobili che perseguono una mobilità sostenibile, ecco il Suzuki SSC, una sigla che indica la denominazione completa di Suzuki Sharing Coach, un?auto trasformabile, nel vero senso della parola, in una monoposto, in questo caso assume il nome Pixy o SSF, per divenire un?auto sportiva, fino a SSJ, per divenire una piccola e duttile imbarcazione. Dall?unione di due Pixj, ovvero due moduli della stessa vettura, ne risulta una SSC, utile per muoversi nel traffico urbano.

    Un’altra proposta di Suzuki è quella rappresentata da una minicar chiamata Palette, può trasportare fino a quattro persone e, pur avendo spazi esterni ridottissimi, dispone, all?interno, di un abitacolo capientissimo con porte scorrevoli, che ne riducono ancor di più gli ingombri e un pavimento basso che consente di sfruttare spazio anche in altezza.