Tassa di proprietà: Berlusconi ha promesso di abolirla, solo promesse o realtà?

Riuscirà Silvio Berlusconi ad abolire il bollo auto?

da , il

    Silvio Berlusconi

    In campagna elettorale Silvio Berlusconi l?aveva detto, insieme all?ICI aboliremo il bollo auto, ben fatto viene da pensare, ma riuscirà a farlo?

    Certo il bollo auto, oggi tassa di proprietà, non è mai piaciuto agli italiani e l?idea che a metà legislatura il PDL riesca ad abolirlo non può che riempirci di gioia, ma c?è un problema da risolvere, come faranno le Regioni, atteso che parliamo di una tassa regionale che frutta a questi Enti qualcosa come 4 miliardi di euro all?anno, ad introitare tali somme.

    Di abolizione del bollo auto se ne parla da un trentennio, visto che, oltretutto parliamo di una tassa pure iniqua, basti pensare che colpisce l?auto sia che la si usi, sia che la si lasci in garage, in epoca recentissima poi, nel 2005 per la precisione, l?UNRAE, l?associazione delle Case automobilistiche estere , aveva richiesto a gran voce l?abolizione della tassa di proprietà dell?auto chiedendo che il minor gettito destinato alle Regioni fosse sostituito da un aggravio sui carburanti con un piccolo aumento.

    Ma ciò potrebbe significare almeno 10 centesimi di euro al litro sui carburanti, sia benzina, che diesel, fatto che in un periodo drammatico per i continui rincari dei carburanti non è di poco conto anche se, pensandoci, mettere fine all?iniquo balzello è cosa santa e giusta, in modo che si pagherà proporzionalmente all?utilizzo della vettura, all?usura delle strade, al pericolo rappresentato dalla circolazione, magari prevedendo somme a favore della sicurezza stradale.

    Ma riuscirà il governo di cui Berlusconi è il premier a trovare il tempo ed il modo di giungere all?abolizione del bollo? Speriamo, speriamo davvero!