Motor Show Bologna 2016

Tata, colpo di scena: si disferà di Jaguar

Tata, colpo di scena: si disferà di Jaguar

Tata, colpo di scena: si disferà di Jaguar

da in Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    Riflette, Ratan Tata, patron della azienda omonima se disfarsi di Jaguar

    Colpo di scena in Casa Tata, la Casa indiana, infatti, avrebbe intenzione di disfarsi del marchio Jaguar immediatamente dopo l’acquisizione.

    Inspiegabile, di primo acchito, la decisione ma, forse, con un minimo di riflessione si può far luce su una tale conclusione, probabilmente dovuta al fatto che un marchio tanto prestigioso come quello rappresentato dall’ex Casa britannica, non è del tutto agevole tenerselo e migliorarlo al tempo stesso.

    Perché, altro è realizzare vetture del tipo della Nano, altro è produrre e seguire sviluppi in ambiti rinomati e blasonati come quelli da sempre ricoperti da Jaguar. Inoltre, la decisione di Ratan Tata, proprietario dell’azienda omonima, di volersi dedicare a Land Rover con grande impegno, lo confermerebbe l’ingente investimento che la Casa starebbe approntando per un enorme stabilimento a New Delhi dove costruire vetture ex Land Rover, farebbe chiaramente intendere che la vocazione della Casa indiana volta alla realizzazione di fuoristrada potrebbe essere trasferita anche ai Suv, anch’essi ex britannici, ma allora ci si chiede, perché tanto entusiasmo nella corsa all’ acquisizione di entrambi i marchi.

    Evidentemente perché negli stratosferici ambiti dove si svolgono trattative di cessione ed acquisizioni aziendali, spesso a far da padrone è il venditore che può dettare legge, soprattutto quando non mancano gli offerenti e, così, si sarebbe anche potuto verificare il fatto che Tata sia stata quasi costretta ad acquistare in blocco entrambe le aziende in vendita, pena l’annullamento della trattativa.

    Adesso per gli stabilimenti Jaguar inglesi gli scenari che vanno delineandosi si fanno quanto mai inquietanti, anche perché il posto di lavoro dei dipendenti Jaguar in Inghilterra sembrava, ad acquisizione avvenuta, garantito per via della vampata innovativa che Tata avrebbe dovuto apportare al marchio sportivo di lusso. Stante l’attuale situazione, potrebbe persino verificarsi che la Mahindra, altra azienda indiana specializzata nella realizzazione di fuoristrada, potrebbe riprendere la scalata con la speranza di vedersi assegnata la Jaguar e, nel frattempo, le maestranze stanno a… sperare!

    397

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mondo auto

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI