Tata Indica, non sarà il massimo, ma il prezzo è ok

Tata Indica, non sarà il massimo, ma il prezzo è ok

Pochi soldi, un'auto apprezzabile ugualmente

da in Auto nuove, Tata, Utilitarie
Ultimo aggiornamento:

    Ecco l’esempio di come un’auto possa soddisfare esigenze diverse, senza dilaniare il portafogli di chi l’acquista.

    Parliamo dell’indiana Tata che, ultimamente, ha orientato l’attenzione in Europa con la proposta di vetture dalle linee quanto mai occidentalizzate. Nel caso di Indica, quella che è stata presa in esame, ad osservarla attentamente, non si può certo dire che sia pervasa da forme futuristiche o che denuncino una spiccatissima personalità stilistica, anzi, a starci attenti, somiglia persino alla vecchia Citroen Saxo… ma se questo non è un limite insormontabile, si potrebbe sceglierla per ciò che offre in termini di abitabilità, per quattro persone e per la sua spiccata affidabilità.

    Certo, niente stravaganze nell’abitacolo, anzi, l’essenzialità è l’ossatura cui si fonde il concetto espresso da Indica, dove al suo interno, non troviamo dotazioni al di là di quelle essenziali, montate, anche, con un certo grado di approssimazione, tuttavia, anche così, l’abitacolo non dispiace del tutto.

    L’imitata la scelta dei propulsori, uno solo, un 1.400 cc. a benzina o diesel, nel primo caso capace di erogare 86 cavalli, nel secondo 72, ovunque si orienti la scelta, niente partenze da F1, tutt’altro, il propulsore colpisce per la sua affidabilità e per una certa progressione nel riprendere velocità, ma denuncia una scarsa brillantezza e degli spunti che si avvertono solo quando la vettura è più che lanciata.

    La velocità massima della versione a benzina è di 160 Km/h, mentre per la versione gasolio si assesta a150, l’auto, nella prima versione accelera da 0 a 100 orari in 12 secondi, mentre nella seconda in 16. Interessanti invece i consumi, soprattutto per la diesel, che si assesta intorno ai 20 Km con un litro di gasolio, mentre il benzina non riesce a superare la soglia dei 15 chilometri e mezzo con un litro, oltretutto parliamo di una vettura non leggerissima, 1.040 chilogrammi la versione benzina, 1100 la versione diesel.

    A guardarla dall’esterno, ci saremmo aspettati un bagagliaio più capiente e, invece, a fronte di adeguati spazi per i passeggeri, il piano di carico per i bagagli è molto sacrificato. Ottimi i prezzi, si parte da 8.500 euro per la base, benzina, fino a 9.800 per l’allestimento DLE del diesel, versioni leggermente più accessoriate costano, per ogni allestimento, circa 700 euro in più.

    392

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto nuoveTataUtilitarie
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI