Tata Nano: una low cost anticrisi?

Tata Nano: una low cost anticrisi?

Restano allarmanti le voci di una profonda crisi del Gruppo Tata, una crisi che non è solo dell’auto, ma del sistema capitalistico in generale cui le 100 imprese gestite dal patron Ratan Tata non riesce a porre freno con grave preoccupazione dei suoi oltre 350 mila e oltre dipendenti

da in Auto Economiche, Mercato Auto, Tata, Tata Nano, Utilitarie
Ultimo aggiornamento:

    Che la Tata Nano giungerà in Europa è un fatto ormai assodato, del resto allo scorso Salone di Ginevra ne abbiamo avuto la conferma ufficiale, resta da dire che il prezzo di vendita della low cost per eccellenza non sarà certo di 1.500 euro ma almeno di 5.000; e non è tutto.

    Restano allarmanti le voci di una profonda crisi del Gruppo Tata, una crisi che non è solo dell’auto, ma del sistema capitalistico in generale cui le 100 imprese gestite dal patron Ratan Tata non riesce a porre freno con grave preoccupazione dei suoi oltre 350 mila e oltre dipendenti.

    Quel che resta stupefacente è il fatto che la Tata sia riuscita, almeno per molti mercati asiatici, a mantenere un prezzo tanto risicato, 1.500 euro, al punto che per poterle vendere negli stabilimenti si debbano fare i salti mortali.

    La Tata Nano, che ricordiamo sarà prevista sia con motori benzina che diesel, per ammissione dello stesso Ratan Tata avrà il prezzo promesso, almeno in India, di 1.500 euro, anche se è lo stesso patron del marchio a confessare che rispetto a quando si cominciò a parlare del progetto ad oggi le cose sono decisamente cambiate, fatto che non esclude che di qui a poco troveremo la Nano aumentata di almeno il 30% . Così come il noto industriale conferma lo sbarco della Nano anche in Europa ed in America ad un prezzo intorno ai 5.000 euro, ma non prima di aver venduto almeno un milione di Nano all’anno nel proprio mercato interno.


    Si tratta di capire come Ratan Tata risponderà all’invito dei governanti dei diversi Paesi del mondo di circoscrivere la crisi mondiale con un ritorno ad uno stato quasi di autarchia, ovvero, ogni nazione privilegerà i propri prodotti interni, fatto che spaventa poco Ratan Tata, fermo sostenitore di un mondo senza barriere a tutto vantaggio dei consumatori e delle loro scelte.

    Intanto le ultime notizie che abbiamo della Tata Nano sono quelle che ci indicano come la low cost indiana sia già stata sorteggiata e assegnata ai primi 100 mila futuri proprietari indiani che riceveranno l’auto entro questo mese.

    390

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto EconomicheMercato AutoTataTata NanoUtilitarie
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI