Tata: quasi conclusa la trattativa con Ford per Jaguar e Land Rover

Tata: quasi conclusa la trattativa con Ford per Jaguar e Land Rover
da in Jaguar, Land Rover, Mondo auto, Tata

    La Jaguar X-Type che presto potrebbe essere prodotta dall'indiana Tata alla quale si chiede di rinverdire i fasti dell'ex marchio inglese

    Una sorta di riscatto storico quello dell’India sull’Inghilterra, se solo si pensi che per decenni il grande continente asiatico è stato nient’altro che una colonia inglese e da questi ereditò usi, costumi e una dominazione quasi senza eguali nel mondo, oltre a grandi opere a vantaggio, inizialmente dei colonizzatori, come la ferrovia che attraversa come una trama venosa l’intera India e utilizzata ogni anno da quattro miliardi di indigeni.

    Il riscatto è dato dal fatto che le trattative che vogliono Tata inglobare i due ex grandi marchi inglesi, Land Rover e Jaguar per opera di Ford che li avrebbe dimessi, è giunta quasi a compimento. Suona strano immaginare la Casa indiana, più nota per la realizzazione e produzione di utilitarie e un po’ grossolani SUV scalare colossi storici dell’automobilismo mondiale, anche se c’è da dire che la Tata si è diversificata anche in altri settori, come quello alberghiero, per dirne una.

    Che piaccia o no, comunque, per i sudditi di sua Maestà britannica, i giochi sono fatti, o quasi e due simboli dell’automobilismo di prestigio e, per quanto riguarda Jaguar, d’elite, passeranno in mano meno blasonate, sicuramente, ma forse sarà l’occasione per rilanciare due icone delle quattro ruote, ancora una volta, soprattutto il marchio Jaguar cui Ford non è riuscita a dare quello smalto che ci si aspettava.

    Cosicché, mentre Land Rover non dovrebbe avere troppi problemi a rilanciarsi, visto che lo sta facendo già di suo, difficile sarà per Jaguar confrontarsi con vetture teutoniche del tipo di Mercedes la cui ultima nata, Classe C, sta facendo faville e BMW con l’ultima Serie 3.
    Per Tata il momento è favorevole, grazie agli accordi stretti con Fiat, che hanno anche partecipato a rafforzare l’immagine del Gruppo indiano e alla vigilia della presentazione della utilitaria low cost da 1.700 euro, operazioni queste che consentiranno a Ratan Tata, il patron della Casa automobilistica, a sborsare la bella somma di quasi 1 miliardo e mezzo di euro!

    437

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN JaguarLand RoverMondo autoTata
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI