Terremoto Giappone, colpita l’industria automobilistica

Terremoto Giappone, colpita l’industria automobilistica

L'industria automobilistica giapponese è stata colpita duramente dal terremoto e dal conseguente tsunami

da in Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    terremoto in giappone auto

    Il terremoto in Giappone ed il conseguente tsunami hanno portato una devastazione senza precedenti in quel Paese. Migliaia di morti, dispersi e feriti; danni ingentissimi alle città e alle infrastrutture; problemi gravi a molti impianti industriali, tra i quali alcune centrali nucleari. Anche le case costruttrici automobilistiche ed i loro fornitori sono stati colpiti duramente dal sisma e le autorità locali stanno cercando di valutare l’entità dei danni e le conseguenze che questi avranno sull’industria automobilistica giapponese. La sensazione è che il bilancio sarà pesante.

    Alcune aziende hanno dovuto interrompere la produzione per alcuni giorni, come ad esempio Honda, Nissan e Toyota. Altre come Mazda sono state più fortunate.

    Uno dei problemi principali sembra essere quello dei trasporti e del mantenimento della continuità nella rete di fornitura e delle esportazioni, per via dei danni subiti da porti ed aeroporti.

    «E’ una situazione tremenda – ha dichiarato all’agenzia Reuters il presidente dell’Automotive Consulting Group, Dennis Virag – Il Giappone ha porti eccellenti che però dovranno concentrarsi sugli sforzi per i soccorsi. Non so quante navi a scopo non umanitario potranno partire da qui a molto tempo».

    Toyota ha dovuto chiudere due fabbriche e due impianti di assemblaggio in seguito al terremoto; Nissan ha interrotto le operazioni in cinque dei suoi stabilimenti; Honda ha chiuso due fabbriche e ha dovuto registrare la morte di uno dei suoi dipendenti; Subaru ha bloccato i lavori presso 5 impianti.

    303

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mondo auto
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI