TomTom rivela gli autovelox..

TomTom rivela gli autovelox..

Autovelox, dove ti annidi?

da in Auto nuove, Autovelox e Tutor, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    autovelox

    Pensate sia difficile fregare una volta per tutte l’autovelox, ritenete che dobbiamo essere sempre noi le vittime designate di queste infernali apparecchiature? No, da adesso non sarà più così.

    Almeno a sentire la “Tom Tom”, un’azienda specializzata in navigatori satellitari che, col suo Tom Tom Plus, ha inventato il primo servizio in grado di scovare l’autovelox ovunque esso si annidi.

    Il fine, per l’azienda, dovrebbe essere nobile, incoraggiare la guida prudente una volta saputo, a priori, dove sono allocati gli autovelox, da un lato ed evitare, dall’altro, di incorrere in multe pesanti e tutto ciò che consegue ad esse.

    Nobile! Iniziativa, non c’è che dire…. anche solo considerando il fine, non del tutto disinteressato dell’azienda leader nel campo della navigazione, che consente ai possessori di TomTom GO 300, 500 e 700, TomTom ONE, TomTom RIDER, TomTom MOBILE e TomTom NAVIGATOR di scaricare sul proprio dispositivo i file da dove ricavare le informazioni riguardanti i siti dove sono posti, entro l’intera rete viaria italiana, gli autovelox.

    Con questo nuovo servizio TomTom trasforma l’esperienza di navigazione, non limitandosi a guidare semplicemente gli automobilisti da un punto ad un altro”, ha affermato Harold Goddijn, direttore generale di TomTom. “Sono già stati individuati parecchi autovelox, scaricabili dal sito web di TomTom PLUS: www.tomtom.com.

    Con le informazioni sempre aggiornatissime, TomTom offre ai propri utenti un’esperienza di navigazione ancora più personalizzata.”

    Il costo del servizio, 39,95 euro per scaricare il download dal sito: www.tomtom.com
    Inutile dire che il servizio offerto dall’azienda è sofisticato e, soprattutto, continuamente aggiornato in tempo reale, cosa che non si potrebbe avere con le semplici cartine stradali che vengono immediatamente superate, mentre il servizio della Tom Tom, viene aggiornato ogni mese. Ma se, nonostante tutto, qualcosa dovesse sfuggire all’occhio attento di Tom Tom, l’azienda invita coloro che sono venuti a conoscenza di un autovelox nato come un fungo da un giorno all’altro, di comunicare la scoperta mediante l’apposito forum al sito web soprariportato.

    A questo punto una riflessione nasce spontanea; atteso che l’autovelox, come è stato dimostrato, serve a far rimpinguare le casse dei Comuni, mentre servirebbe a poco agli automobilisti, ai fini della sicurezza; atteso che i ricorsi ai tribunali di tutt’Italia abbondano circa la validità o meno delle sanzioni elevate tramite autovelox e, considerato che, come oggi abbiamo scoperto, grazie agli autovelox, si sta creando una vera e propria industria fra chi ha scoperto il modo di individuare questi dispositivi,perché non pensiamo seriamente di abolire tali strumenti di rilevazione dell’infrazione, visto che a pagare è sempre e soltanto il cittadino?

    475

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto nuoveAutovelox e TutorMondo auto
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI