Toyota Celica, bella ma presto in…. pensione

Un coupè accattivante, ma non aggiornato che per questo andrà in pensione

da , il

    Toyota Celica

    Per strano che possa sembrare, Toyota Celica si avvia al tramonto, avendo deciso, la Casa giapponese, di collocarla a riposo molto presto.

    Eppure a vedere la linea nessuno penserebbe di primo acchito che l’uscita della bella coupè è imminente e invece, il solo fatto che non esiste una versione Euro 4 ne ha determinato la fine. Il tramonto per una vettura in grado di accogliere comodamente quattro passeggeri, di consumare relativamente poco, 14 chilometri con un litro, circa, di dotarsi di un ampio abitacolo e un buon piano di carico destinato ai bagagli, 365 litri, oltre ad un ottimo cambio a sei marce manuale.

    Un solo motore, un 1.800 cc offerto in versione base e TS, con 2 diverse potenze, per la prima versione, 143 sono i cavalli disponibili, per la seconda 190, così come la base raggiunge i 205 orari di velocità massima, mentre la TS tocca i 225 Km/h e accelerano, la prima da 0 a 100 orari in 8,7 secondi la seconda in 7.

    Gli interni non sono all’ultima moda, né accessoriati al meglio, comunque, di serie troviamo, per la base, il controllo di stabilità e di trazione, il climatizzatore automatico, il potente impianto radio/CD; la versione TS, invece si dota anche, di serie, dei fari allo Xenon, mentre per entrambe le versioni sono optional il tetto apribile che incide in ragione di circa 700 euro, i sedili in pelle, 1.300 euro, il navigatore satellitare, 1.400 euro e la vernice metallizzata, 400 euro.

    I prezzi partono da 23.000 per l’allestimento base, fino a 26.500 per la TS, chiaramente gli optional appena menzionati sono da pagarsi a parte.