Toyota ‘Window to the world’, il finestrino interattivo [VIDEO]

Certamente affascinante il protitpo di finestrino interattivo di Toyota 'Window to the world', al momento ancora allo stato di prototipo

da , il

    Il nome del nuovo gadget tecnologico che nel giro dei prossimi anni potrebbe arrivare sulle nostre auto è ‘Window to the world‘. Realizzato da ingegneri e designer della divisione europea di Toyota con la collaborazione del Copenhagen Institute of Interaction Design si propone con una completa reinterpretazione dei finestrini laterali. Perchè limitarsi a concepire le superfici vetrate dell’auto come semplici lastre trasparenti ed inerti? L’idea alla base del sistema è quella di favorire l’interazione tra i passeggeri e l’ambiente circostante, sfruttando la realtà aumentata. Nel video diffuso dalla stessa Toyota è possibile vedere all’opera tutte le sensazionali possibilità offerte da questo gadget. Certo, al momento si tratta solo di un prototipo e probabilmente occorrerà parecchio tempo prima di vederlo approdare su larga scala sulle nostre auto, però sognare non costa nulla.

    Prendendo spunto dal mondo dei tablet e degli smartphone di ultima generazione, i finestrini si trasformano in superfici sensibili al tocco e a gesti complessi, le ‘gestures’. I designer hanno previsto per ora cinque possibili utilizzi per il ‘Windows to the world’. Si parte con la creatività: i passeggeri possono creare dei disegni utilizzando semplicemente le proprie dita. Inoltre il finestrino si comporta come un tablet su cui sono mostrate le immagini del paesaggio circostante e, tramite semplici gesti, è possibile zoomare gli oggetti più lontani. Senza contare poi il valore aggiunto di poterne conoscere anche la distanza.

    Per chi è meno creativo ma ha il desiderio di imparare nuove lingue vengono continuamente mostrate informazioni e vocaboli della nazione in cui ci si trova. Spostando il prototipo di ‘Window to the world’ sul tetto panoramico gli appassionati di astronomia possono visualizzare rapidamente tutte le varie costellazioni con relative informazioni, ma sempre tenendo sott’occhio il cielo stellato reale.

    Per il momento sono stati presentati due prototipi funzionanti all’esposizione Our Future Mobility Now, organizzata dalla European Automobile Manufacturers’ Association (ACEA) a Bruxelles all’Autoworld Museum, in Belgio.