NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Un sogno raro in mano a pochi amatori: storia della Ferrari Dino

Un sogno raro in mano a pochi amatori: storia della Ferrari Dino

Ferrari Dino è il nome che hanno portato alcune auto prodotte tra gli anni '60 e '70: queste dovevano rappresentare un brand parallelo a Ferrari per la produzione di vetture più economiche dotate di motori V6 e V8

da in Auto d'epoca, Auto sportive, Ferrari, Supercar
Ultimo aggiornamento:

    Dino 206 GT frontale

    Ferrari Dino è un nome diventato a suo modo mitico nell’ambito della produzione della casa costruttrice di Maranello. Dino, diminutivo di Alfredo, era il nome del figlio del fondatore Enzo Ferrari a cui viene attribuito il progetto del motore V6. Le auto denominate Ferrari Dino, infatti, nelle intenzioni dell’azienda avrebbero dovuto rappresentare una sottogamma di modelli con motori più piccoli rispetto ai classici V12 Ferrari, un tentativo da parte del marchio di creare un brand di vetture relativamente economiche. Il progetto durò solo dal 1968 al 1976.

    FERRARI DINO: LA STORIA
    fiat dino frontale
    Negli anni ’50 fu proprio Dino Ferrari insieme all’ingegnere Vittorio Jano a convincere il padre a produrre una serie di auto sportive con motori V6 e V8. Nacque così il brand Ferrari Dino che avrebbe dovuto entrare sul mercato come rivale di vetture come la Porsche 911. Per non “sporcare” il nome della casa costruttrice con auto “economiche”, il fondatore decise così di lanciare le Dino.

    Alfredo “Dino” Ferrari non vedrà mai la nascita delle auto che portano il suo nome, dato che morì di malattia nel 1956 all’età di soli 24 anni. Anche per conservare la memoria del figlio, Enzo Ferrari decise di proseguire nel progetto di produrre auto più economiche che portassero il suo nome. La prima fu realizzata insieme alla Fiat utilizzando il motore V6: nacque così la Fiat Dino.

    Nel frattempo, insieme al designer Pininfarina, Enzo Ferrari studiò la possibilità di creare un’auto stradale con motore centrale, una possibilità vista con diffidenza fuori dal mondo delle corse. Il ghiaccio era stato rotto da Lamborghini con la Miura. Al Salone di Parigi del 1965 venne presentata la prima concept car Dino (senza nome Ferrari), seguita dalla Dino 206S al Salone di Torino 1966.

    FERRARI DINO: I MODELLI
    Dino 246 GTS retro
    Il prototipo mostrato a Torino portò alla produzione della prima auto di questa serie: alla fine la Ferrari decise che il motore V6, essendo poco potente rispetto al V12, non avrebbe creato pericoli per i propri clienti, nonostante la temuta configurazione a motore centrale.

    La prima vettura di questa gamma è la Dino 206 GT del 1968 con motore 2.0 da 160 cv di potenza: prodotta in soli 152 esemplari, fu la prima auto Ferrari dotata di iniezione elettronica.

    Dal 1969 al 1974 venne prodotta la Dino 246 GT, per un totale di 3.761 unità. La vettura aveva un propulsore 2.4 da 195 cv ed era disponibile sia in versione coupé che, dal 1971, in versione spider (Dino 246 GTS). La velocità massima dichiarata era di 235 Km/h, ma un test effettuato in Inghilterra dimostrò che l’auto poteva raggiungere i 238 Km/h (la Porsche 911S faceva solo 219 Km/h).

    L’ultima Ferrari Dino è stata la Dino 308 GT4. Quest’auto è stata venduta dal 1973 al 1976 come Dino e dal 1976 al 1980 come Ferrari. Si trattava di una 2+2 progettata da Bertone, molto diversa dai modelli precedenti. E’ stata la prima auto di serie Ferrari dotata di motore V8. Questo propulsore 3.0 aveva una potenza di 250 cv.

    Ferrari 308 GT4 frontale

    675

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto d'epocaAuto sportiveFerrariSupercar
    PIÙ POPOLARI