Vacanze estate 2017, consigli per chi viaggia in auto: come fare un check-up

Gli italiani che si sposteranno per le vacanze estive prediligeranno l'auto come mezzo di trasporto. Vediamo un po' di consigli per chi viaggia in auto per le vacanze estive 2017. Necessario un check-up alla vettura: come fare?

da , il

    traffico autostrada 2013

    Vacanze estate 2017, consigli per chi viaggia in auto: come fare un check-up. Inesorabile si avvicinano le vacanze dell’estate 2017, e di conseguenza ci sarà l’esodo di quanti potranno permettersi di trascorrere le ferie (o parte di esse) fuori casa. I tempi non sono dei migliori: la crisi economica che ormai attanaglia il nostro Paese non sembra voler allentare la presa, neppure per una breve tregua estiva. Il trend delle vacanze è in calo ma la maggior parte degli italiani non rinuncerà ad un periodo di riposo lontano dalle città, raggiungendo le località balneari e montane preferite. Il mezzo di trasporto preferito, per praticità ed economia sarà ovviamente l’automobile. Ma attenzione: mettersi in viaggio con l’automobile comporta, preferibilmente, delle verifiche al mezzo. Prima di partire per le vacanza è consigliabile fare un check up accurato, un tagliando in un’officina autorizzata o altrimenti un controllo fai da te. Sicuramente è necessario prestare massima attenzione all’usura dei freni e degli pneumatici, ma non solo. .

    Check up accurato

    La cara vecchia auto di famiglia sarà l’indiscussa protagonista: nel bene o nel male saremo costretti a trascorrervi lunghe ore di trasferimenti stradali e qualche immancabile coda ai caselli autostradali o lungo un cantiere stradale. E’ quindi opportuno dedicare un po’ di tempo alla nostra auto in previsione della trasferta e, magari, sottoporla ad un checkup meccanico basilare.

    I budget degli italiani per le vacanze 2017 stando alle statistiche sono leggermente più elevati di quelli dello scorso anno ma sono ancora ridotti rispetto a quelli cui eravamo abituati qualche anno fa. Il rischio di risparmiare sulla manutenzione dell’auto è molto alto; tanti infatti si limiteranno ad una gonfiata di pneumatici e una sbirciata al liquido del radiatore. Molti neppure quello e si metteranno coraggiosamente al volante, confidando nella propria buona stella, sperando di non incappare in avarie e guasti meccanici che potrebbero mandare a monte la vacanza.

    Volendo stilare un manuale di sopravvivenza per una vacanza in auto serena proviamo a darvi qualche suggerimento per mettersi al volante, almeno con la coscienza pulita. Molti troveranno i nostri suggerimenti banali, ma si tratta di regole basilari che possono davvero fare la differenza.

    Tagliando in officina

    Portare l’auto in officina, presso una struttura autorizzata del marchio o presso il meccanico di fiducia, è sicuramente la soluzione più sicura. Un checkup completo alle componenti “vitali” del motore, il cambio dell’olio e dei filtri, un controllo ammortizzatori, alle pastiglie freni e una equilibratura della ruote dovrebbero essere le operazioni minime per assicurare un viaggio piuttosto sereno.

    Altra operazione consigliata è l’eventuale ricarica del gas dell’impianto di climatizzazione e la sostituzione dei filtri antipolline; la qualità dell’aria nell’abitacolo è importante, soprattutto durante la canicola di agosto. Il costo di questo intervento può variare da 90 a 200 euro in base alla tipologia e alla categoria dell’auto; ovviamente questi costi indicativi possono lievitare sensibilmente qualora si rendesse necessaria la sostituzione di gomme, ammortizzatori o pastiglie freni.

    Tagliando fai da te

    Se un passaggio in officina non rientra nei vostri progetti pre-vacanza, è opportuno dedicare qualche ora alla nostra auto e seguire una semplice scaletta di interventi di manutenzione che non richiedono particolari competenze “meccaniche”. Il primo step è sicuramente il controllo dei livelli dell’olio motore e del liquido refrigerante del radiatore. L’olio motore si controlla tramite l’apposita asticella, una volta verificata la quantità di olio presente nel motore è opportuno valutare se effettuare un rabbocco; il livello del liquido del radiatore solitamente si verifica dalle “tacche” della vaschetta di riempimento.

    I materiali per queste due operazioni si possono reperire facilmente, anche i centri commerciali vendono taniche e flaconi di olio e refrigerante: per l’olio è bene scegliere la gradazione adatta al nostro motore, riscontrabile dal libretto di uso e manutenzione. Altro liquido che non deve mancare è quello del lavavetri: durante un lungo viaggio estivo in autostrada il parabrezza si riempirà presto di moscerini e insetti spiaccicati, lavare tempestivamente il vetro eviterà fastidiose incrostazioni difficili da rimuovere in secondo tempo.

    Vien da se che è opportuno controllare lo stato delle spazzole tergicristallo, anche queste reperibili presso qualunque impianto di carburanti o nei centri commerciali. Un controllo da fare riguarda anche i gruppi ottici, verificando la funzionalità di tutte le lampadine dei fari, sia anteriori che posteriori; acquistare un kit di lampadine di scorta è di certo una scelta previdente.

    Occhio a gomme e freni

    Argomento a parte è quello legato alle gomme e all’impianto frenante: bisogna essere obiettivi e coscienziosi nello stimare lo stato di salute degli pneumatici. Se troppo consumati o troppo “secchi” è opportuno sacrificare qualche cena o escursione in vacanza per un treno di gomme nuove. Se in buono stato è sufficiente regalare alle nostre ruote una equilibratura e una convergenza, a beneficio della sicurezza e del piacere di guida.

    Le pinze dei freni solitamente sono dotate di un indicatore del livello di usura delle pasticche, se siamo al limite è bene sostituirle: oltre a pregiudicare la sicurezza nelle frenate le pasticche usurate tendono a danneggiare i dischi freno, causando un danno economico ingente.

    La batteria della macchina

    La batteria di un’automobile ha una durata media di 4 o 5 anni, se ha già compiuto questi compleanni è un buon investimento una batteria nuova. Portare nella dotazione un paio di cavi batteria può essere un toccasana se il nostro accumulatore decidesse di abbandonarci all’improvviso durante la vacanza.

    Ultime raccomandazioni

    Augurando a tutti delle vacanze serene sulle quattro ruote suggeriamo infine la sottoscrizione di un servizio di assistenza stradale: alcune compagnie offrono dei pacchetti “vacanza” della durata di pochi mesi. Se abbiamo dimenticato qualche suggerimento per il checkup dell’auto confidiamo nella responsabilità e nel buonsenso dei nostri lettori!