Volksvagen New Beetle Ragste, si accorcia un tantino e diventa più bella

da , il

    Volksvagen New Beetle Ragste, si accorcia un tantino e diventa più bella

    Si appresta a battezzare la soglia del suo milionesimo esemplare, la Volkswagen col suo New Beetle e a festeggiare l’ ennesimo successo per questa vettura nata sull’ onda di un pessimismo nero che la voleva a tutti i costi una forzatura del vecchio storico Maggiolino.

    Ma come spesso capita, le Cassandre di turno avevano torto, la Beetle non solo è un’ auto di successo e ben riuscita, ma ha aperto nuovi orizzonti alla Casa tedesca tanto da riproporre, sia pure ancora in chiave di studio, una nuova versione del modello, denominato New Beetle Ragste. Una versione rivisitata con l’ intento di dotarla di elementi stilistici di sicuro interesse e leggermente più corta di quella che l’ han preceduta.

    La prima miglioria riguarderà il tetto che, nella nuova versione, è leggermente ribassato e consiste di due parti, una delle quali, il tettuccio, è del tipo ripiegabile. A ispirare il modello la New Beetle cabriolet, accorciata di meno di un centimetro. Le piccole modifiche apportate hanno determinato nell’ auto quella velata aggressività nata dal particolare montante anterosuperiore “ corrucciato “. Stessi rimodellamenti sono stati apportati nei parafanghi, paraurti e gruppi ottici posteriori con l’ adozione, anche, di nuovi cerchi in lega da 19 pollici.

    Anche gli interni sono stati rivisitati con cura, dallo sterzo, più moderno, ai sedili più ergonomici e più piacevoli alla vista. L’ adozione di nuovi comandi, dal tasto di accensione alla nuova consolle centrale ne hanno fatto una vettura piacevole e sportiva. Inoltre, particolare non trascurabile, la possibilità di abbattere il sedile posteriore aumentando il pianale di carico della vettura.

    Infine, nell’ ipotesi in cui, Volkswagen decidesse di fare di questa concept un’ auto, la scelta cadrebbe anche sui propulsori che potrebbero essere potenziati, in entrambe le versioni, benzina e diesel, o addirittura sostituiti da nuovi più generosi motori. Ma questo è ancora da vedere.