Volkswagen Maggiolino Cabrio, foto spia della Beetle en plein air

Prime foto spia senza camuffature per la Volkswagen Maggiolino Cabrio, che arriverà sul mercato nell'arco del prossimo anno con gli stessi motori della variante chiusa

da , il

    Non è la prima volta che riusciamo a pubblicare le foto spia della Volkswagen Maggiolino Cabrio, ma per la prima volta riusciamo a farlo senza avere tutte quelle pesanti camuffature tipiche dei muletti su strada. E in realtà questa volta non è stato immortalato un singolo esemplare ma addirittura due, una rossa e una nera. Le uniche modifiche rispetto alla versione di serie riguardano gli adesivi applicati ai gruppi ottici anteriori e posteriori, per il resto la linea risulta essere quella definitiva. Com’è ovvio non sono previsti stravolgimenti dall’aspetto della variante con capote in lamiera. Nonostante la presenza della capote di tela alteri leggermente il profilo della New Beetle, si riconoscono facilmente tutti i principali dettagli che hanno distinto la nuova generazione dalla precedente.

    In generale si nota che in proporzione l’auto risulta meno alta e più lunga e larga, questo tutto a vantaggio del look che diventa così più aggressivo e sportiveggiante. Gli esemplari ritratti in foto non presentano allestimenti particolarmente esasperati. I cerchi infatti non sono molto grandi, probabilmente sui 16 pollici. E anche i paraurti non hanno un design particolarmente vistoso. Nella vista posteriore però spiccano i due terminali di scarico posti ai due lati esterni, una soluzione che resta sempre di sicuro effetto e che quasi certamente sarà riservata alle sole varianti con motori più potenti.

    Da sempre la variante decappottabile del Maggiolino è accolta con grande interesse dagli appassionati di tutto il mondo per via del suo indiscutibile fascino, anche se l’ultima generazione non si era resa protagonista di grandi successi di vendite. Come da tradizione Volkswagen anche questo modello sarà dotato di tutte le tecnologie più recenti, così come la sorella con capote in lamiera. Meccanicamente non ci sono modifiche rispetto al Maggiolino attualmente in vendita. Il pianale non risulta quindi essere il nuovo MQB modulare, ma quello ‘vecchio’ della Golf VI. Su di esso verranno utilizzati tutti gli stessi motori presenti nella gamma della corrispondente variante chiusa. Si partirà quindi dal 1.2 TSI benzina da 105 cavalli, poi in alternativa ci può essere il 1.6 TDI con la stessa potenza. Passando all’allestimento ‘Sport’ si possono scegliere anche il 1.4 benzina TSI da 160 cavalli o il 2.0 TSI da 200 cavalli, mentre per chi ha esigenza di fare tanti chilometri ma con un po’ di brio resta il 2.0 TDI da 140 cavalli. Potrebbe uscire in futuro anche una versione R ad alte prestazioni, anche se per il momento non sono ancora stati visti dei muletti in fase di test. Non si sa ancora con certezza quando arriverà sul mercato, ma sicuramente il debutto ufficiale avverrà nell’arco del prossimo anno.