Volkswagen, obiettivi da leader

Volkswagen punta in alto e per il 2011 annuncia una serie di nuove vetture destinate a lasciare il segno su un mercato in cui è sempre più leader

da , il

    Volkswagen 2011

    L’obiettivo di Volkswagen è arrivare alla leadership mondiale nei prossimi anni, attraverso l’acquisto di aziende creative come la Italdesign oltre a una possibile acquisizione di Alfa Romeo. Il 2010 ha visto il gruppo tedesco impegnato nella Polo, eletta Auto dell’Anno, nella evoluzione dell’ Audi A8, essendo capace di mantenere salde le posizioni che lo vedono primeggiare a livello continentale e dietro Fiat in Italia. Il 2011 sarà poterà un’altra spinta in avanti, seguendo la strategia in atto in grado fino a oggi di sfruttare le sinergie come risorsa per la diversificazione e non come fonte negativa di sovrapposizione.

    Nel frattempo nei programmi della Casa madre c’è il rilancio di un modello come la Passat, berlina e wagon che ormai è giunta alla settima generazione e che rimane un importante punto di riferimento nella categoria media. Fra le prerogative, oltre come al solito alla qualità, la conferma della downsize e del rispetto ambientale per i motori, con un 1.400 turbo a benzina parco nei consumi e un 1.600 diesel da 114 g/km di CO2. Inoltre si concretizzerà il progetto Up, che vuole segnare il ritorno della Volkswagen nel settore delle city-car.

    Già presentata in concept durante i vari saloni dell’auto, la piccola, diversa dalla vecchia Lupo o dalla Fox, si prepara per sfidare Panda e simili senza dimenticare una versione elettrica. Inoltre ci saranno anche la nuova Jetta e gli aggiornamenti della cabrio-coupè Eos e della Suv Tiguan. Se queste sono le premesse si prospetta un 2011 niente male e con la determinazione tipica di Volkswagen, che già in passato è stata capace di raggiungere grandi risultati, si possono vincere anche le nuove sfide.