Volkswagen XL1 Plug-in Hybrid, annunciato il prezzo dei 200 esemplari [FOTO e VIDEO]

da , il

    Sono quelle della galleria fotografica sopra riportata le prime immagini ufficiali per la Volkswagen XL1 Plug-in Hybrid. Per chi non avesse seguito questo modello negli anni, vi ricordiamo brevemente noi la sua storia. Svariati anni fa quelli della VW avevano promesso che avrebbero realizzato un’auto di serie in grado di fare fino a 100 km con meno di un litro di carburante. In questi anni l’abbiamo più volte vista su strada all’interno di varie foto spia, per poi essere anche presentata come concept car. Adesso, però, arrivano i numeri e le caratteristiche di quella che sarà la versione di serie. Sotto a questa carrozzeria del tutto particolare si nasconde un’alimentazione ibrida, che abbina un compatto motore turbodiesel TDI common rail ad un motore elettrico. Abbondanti attenzioni sono state dedicate all’aerodinamica ed al contenimento dei pesi.

    Il prezzo dei 200 esemplari – produzione limitata – in Germania sarà di 110 mila euro.

    La storia del progetto

    Tecnicamente quella di cui stiamo parlando adesso è la terza evoluzione di un progetto iniziato oltre 10 anni fa. All’inizio del nuovo secolo, l’attuale presidente del consiglio del gruppo Volkswagen, Ferdinand Piëch, si era fatto promotore della visionaria idea di realizzare un efficiente prototipo che consumasse solo 1 litro di carburante ogni 100 km perfetto per un uso quotidiano, ma che fosse poi anche destinato ad essere prodotto in serie. Tutto è cominciato con la 1-Litre Car presentata nel 2002 e, poi, proseguito sulla L1 del 2009, per arrivare infine a quella che oggi è la Volkswagen XL1 Plug-in Hybrid. La filosofia di base resta la stessa, ma migliora dal punto di vista tecnico e dell’efficienza, grazie anche all’applicazione di nuove tecnologie sviluppate nel corso degli anni.

    Dimensioni

    Il corpo vettura è lungo 3.888 mm, largo 1,665 metri ed alto 1,153 metri. Il passo? 2.224 mm. Un qualsiasi appassionato si accorge in fretta di come queste misure risultino relativamente “estreme”, specialmente per quanto riguarda la larghezza. I tedeschi ci portano alla luce un dato significativo: persino una sportiva come la Porsche Boxster è più alta di 129 mm rispetto alla XL1, con un’altezza di 128 centimetri.

    Video

    Peso ridotto al massimo

    Logicamente per vincere la battaglia contro i consumi e gli sprechi di carburante bisogna lavorare su più fronti. Uno di questi è proprio la riduzione dei pesi, su cui gli ingegneri Volkswagen hanno lavorato assiduamente. Gran parte della vettura, infatti, è realizzata in fibra di carbonio rinforzata (CFK). Realizzati in questo materiale sono ad esempio: la monoscocca, tutti i componenti esterni della carrozzeria e gli elementi funzionali (come le barre antirollio). Pensate che i componenti del rivestimento esterno della XL1 sono spessi solo 1,2 mm. Parlando di numeri, la vettura pesa soltanto 795 kg, di cui 227 kg per il propulsore inclusa la batteria, 153 kg per il telaio, 80 kg per gli allestimenti e 105 kg per la parte elettrica. I restanti 230 kg rappresentano appunto il peso della carrozzeria realizzata per la maggior parte in CFK. Inoltre, per il 22,5% di tutte le parti (179 kg), la Volkswagen ha impiegato metalli leggeri: soltanto il 23,2% (184 kg) della XL1 è realizzato in acciaio e ferro.

    Leggera, ma anche attenta alla sicurezza. La monoscocca in fibra di carbonio è leggera ma anche molto resistente ed è capace di offrire un’elevatissima protezione agli occupanti.

    Accorgimenti per consumare meno

    Tra i vari accorgimenti per limtiare i consumi possiamo citare ad esempio il sistema di recupero dell’energia cinetica in frenata: il motore elettrico funziona da alternatore in fase di frenata, andando a ricaricare le batterie. A questo si aggiunge l’aerodinamica particolarmente curata, caratterizzata da un Cx di appena 0.189 (una Toyota Prius ha un valore di 0.25, tanto per fare un paragone). Citiamo, per concludere, la presenza di pneumatici a bassa resistenza al rotolamento realizzati da Michelin, misura 115/80 R 15 per l’asse anteriore e 145/55 R 16 per quello posteriore.

    Scheda tecnica: motore, consumi ed emissioni

    Come abbiamo già accennato, sotto alla carrozzeria troviamo un sistema ibrido plug-in. L’unità termica è un motore bicilindrico turbodiesel common rail TDI dotato di una cilindrata di appena 0.8 litri ed in grado di sviluppare 48 cavalli e 120 Nm di coppia motrice. Il modulo elettrico è posto tra il propulsore a gasolio ed il cambio: la motorizzazione elettrica è capace di una potenza di 27 cavalli e 140 Nm di coppia, che vanno ad aiutare il piccolo TDI in fase di accelerazione, ma che possono anche consentire una marcia totalmente a zero emissioni per 50 km di autonomia massima. Quando le due unità lavorano in modo congiunto l’auto può contare su 51 kW di potenza, equivalenti a 70 cavalli, e 140 Nm di coppia massima. Il cambio è poi un DSG a doppia frizione con sette rapporti che trasferisce la potenza all’asse posteriore, mentre le batterie che alimentano l’unità elettrica sono agli ioni di litio ed hanno una capacità di 5,5 kWh. Al guidatore è lasciata la possibilità di decidere se viaggiare in modalità ibrida o solamente elettrica (quest’ultima a patto che le batterie siano sufficientemente cariche). Quando non serve, il motore a combustione viene disattivato scollegando la frizione, per limitare il più possibile gli sprechi derivanti dall’inerzia.

    Le prestazioni non sono nemmeno così scarse come si potrebbe pensare, vista la poca potenza. L’accelerazione da 0 a 100 km/h viene cronometrata in 12,7 secondi, mentre si può raggiungere una velocità massima di 160 chilometri orari, limitata elettronicamente. I consumi? Nel ciclo di omologazione misto la XL1 consuma 0,9 litri per 100 km che, detto in altri termini, significa che si possono fare fino a 111 km con un solo litro di gasolio. Le emissioni di CO2 sono pari a 21 g/km, mentre l’autonomia totale offerta dal sistema ibrido è pari a 500 km (il serbatoio del gasolio contiene 10 litri). Obiettivo pienamente riuscito, insomma.