Volvo nel mirino dei cinesi: arriva la BAIC

La Bejing Automotive Industry Holding (BAIC) è il nuovo marchio cinese che, secondo le maggiori agenzie di stampa, avrebbe preso di mira la Volvo: i dirigenti della BAIC si recheranno nei prossimi giorni presso il quartier generale di Gotheborg per visitare gli stabilimenti del gruppo

da , il

    La BAIC sulla Volvo

    La Bejing Automotive Industry Holding (BAIC) è il nuovo marchio cinese che, secondo le maggiori agenzie di stampa, avrebbe preso di mira la Volvo.

    Alcuni dirigenti della BAIC si recheranno nei prossimi giorni presso il quartier generale della Volvo, a Gotheborg, per visitare gli stabilimenti produttivi e i centri di ricerca e sviluppo.

    Ad attirare gli investitori provenienti dalla Grande Muraglia non è solo la vasta e prestigiosa gamma di modelli del marchio svedese, ma anche le sue grandi competenze in tema di sicurezza: l’invidiabile know-how della Volvo potrebbe infatti essere applicato alle vetture cinesi che, come testimoniano i crash-test condotti in tutto il mondo, sono ancora carenti sotto il punto di vista della solidità e dell’affidabilità.

    La BAIC è già partner di Mercedes – per la quale assembla in Cina le vetture destinate ai mercati asiatici – e aveva formulato in passato un’offerta per rilevare la Opel. Sembra ormai chiaro che la casa automobilistica di Pechino vuole entrare sul mercato direttamente come costruttore, partendo però da un marchio già noto e avviato.

    Con la Bejing Automotive diventano ben quattro i pretendenti cinesi del marchio di Goteborg: la BAIC va ad aggiungersi alla Geely Automobile Holdings, alla Chery Automobile e alla Chongqing Changan Automobile (quest’ultima già partner di Ford Motor Company, il gruppo a cui dal 1999 appartiene la Volvo).