NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Auto cinesi cloni di altri marchi: foto delle novità del Salone di Pechino 2012

1 di 10
    continua
    http://www.allaguida.it/foto/auto-cinesi-cloni-di-altri-marchi-foto-delle-novita-del-salone-di-pechino-2012_9907.html
    BAIC B40
    BAIC B40. Il Salone di Pechino 2012 è oramai iniziato: le novità destinate anche all'occidente sono poche e la fanno da padroni le auto cinesi, come è ovvio che sia. Abbiamo deciso di riportare i modelli più curiosi, ossia quelli che sono palesemente ispirati ad auto di successo europee, asiatiche o americane. Come potete vedere approfonditamente dalle immagini nella gallery, in primo luogo segnaliamo le BAIC B40 e B70, due vetture vistosamente ispirate alla Jeep Wrangler, o la DFM EQ2050 che deve la sua estetica, senza obra di dubbio, all'Hummer. Restando sempre in casa BAIC citiamo anche la nuova E150, una copia praticamente identica della precedente generazione della Mercedes Classe B. Ovviamente non tutte sono palesemente delle copie, come dimostrano la CH Auto Lithia che si ispira, ma neanche troppo, all’Audi R8 o la JAC Heyue SC, che nel frontale ricorda la Toyota Celica e nella coda la Ferrari California. A Pechino spiccano anche la Changan Raeton, che nel posteriore ricorda da vicino una Lexus, e la Changan Yuexiang V5, praticamente identica ad una Mazda 3 nel frontale. La JAC SII è, invece, una sport utility caratterizzata da un design moderno molto ispirato a quello della fortunata Hyundai ix35. Completa il quadro la piccola Lifan 320, un’utilitaria che sembra una sorta di Mini cinese. Detto questo non è che tutte le auto cinesi siano delle copie, anzi ultimamente il trend si è decisamente invertito. Noi ci siamo divertiti a citare le auto probabilmente più ‘curiose’ in questo senso.

    BAIC B40

    Il Salone di Pechino 2012 è oramai iniziato: le novità destinate anche all'occidente sono poche e la fanno da padroni le auto cinesi, come è ovvio che sia. Abbiamo deciso di riportare i modelli più curiosi, ossia quelli che sono palesemente ispirati ad auto di successo europee, asiatiche o americane. Come potete vedere approfonditamente dalle immagini nella gallery, in primo luogo segnaliamo le BAIC B40 e B70, due vetture vistosamente ispirate alla Jeep Wrangler, o la DFM EQ2050 che deve la sua estetica, senza obra di dubbio, all'Hummer. Restando sempre in casa BAIC citiamo anche la nuova E150, una copia praticamente identica della precedente generazione della Mercedes Classe B. Ovviamente non tutte sono palesemente delle copie, come dimostrano la CH Auto Lithia che si ispira, ma neanche troppo, all’Audi R8 o la JAC Heyue SC, che nel frontale ricorda la Toyota Celica e nella coda la Ferrari California. A Pechino spiccano anche la Changan Raeton, che nel posteriore ricorda da vicino una Lexus, e la Changan Yuexiang V5, praticamente identica ad una Mazda 3 nel frontale. La JAC SII è, invece, una sport utility caratterizzata da un design moderno molto ispirato a quello della fortunata Hyundai ix35. Completa il quadro la piccola Lifan 320, un’utilitaria che sembra una sorta di Mini cinese. Detto questo non è che tutte le auto cinesi siano delle copie, anzi ultimamente il trend si è decisamente invertito. Noi ci siamo divertiti a citare le auto probabilmente più ‘curiose’ in questo senso.

    BAIC B70

    BAIC B70

    BAIC E150

    BAIC E150

    CH Auto Lithia

    CH Auto Lithia

    Changan Raeton

    Changan Raeton

    Changan Yuexiang V5

    Changan Yuexiang V5

    JAC Heyue SC

    JAC Heyue SC

    JAC SII

    JAC SII

    Lifan 320

    Lifan 320

    DFM EQ2050

    DFM EQ2050

    Foto correlate